iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Voldo – Hella Maluka

La musica dei Voldo contiene il meglio degli ultimi vent’anni di musica rock, rivista e riassemblata in modo estremamente intelligente, originale e, appunto alternativo, come se i generi che affiorano all'ascolto del mastodontico lavoro avessero un'altra faccia della medaglia che ci viene fatta scoprire con successo.

Voldo – Hella Maluka

È stata un esperienza faticosa ma allo stesso tempo affascinante, e alla fine ne è valsa veramente la pena, entrare nel mondo di questi tre ragazzi che si fanno chiamare Voldo.
La band si forma nel 2008, ma è solo tre anni dopo, con l’entrata in formazione del batterista Michele Calamita, che, assieme ai due membri fondatori Matteo Passamonti (basso,voce,effetti) e Luca Giovagnoli (chitarra,effetti) che prende vita l’attuale formazione a tre.
Il gruppo trova così stabilità e comincia ad esibirsi da vivo ed arriviamo alla fine del 2013 con l’uscita di Hella Maluka, rigorosamente autoprodotto, registrato e mixato con la collaborazione dei fonici Valerio Romanelli e Giacomo Calli.
Di solito nelle recensioni trovate il genere di riferimento ma mai come in questo caso, la definizione alternative risulta appropriata ad un album: la musica dei Voldo contiene il meglio degli ultimi vent’anni di musica rock, rivista e riassemblata in modo estremamente intelligente, originale e, appunto alternativo, come se i generi che affiorano all’ascolto del mastodontico lavoro avessero un’altra faccia della medaglia che ci viene fatta scoprire con successo.
E allora ecco che tra il muro di suoni distorti, elettronici, effetti vari ed un basso che tutto fa fuorchè lo strumento ritmico assurgendo ben buona parte del disco al ruolo di protagonista, scorrono stoner, hardcore, psichedelia, hard rock acido in una giostra di umori ora tirati, ma a tratti più rilassati, dove la voce grossa la fa una spiccata propensione a stupire, tenendo conto anche della durata consistente dell’album che supera l’ora di durata.
Il bello è che il lavoro svolto dai nostri non annoia neanche per un istante, tutto risulta perfettamente in sintonia con l’idea di fare musica del gruppo, nella quale troverete echi di Primus (Passamonti, bassista fenomenale, ricorda non poco in certi passaggi Les Claypool), il rock alternativo dei primi anni novanta suonato da Sonic Youth e Rage Against The Machine, atmosfere desertiche, l’approccio di una band punk/hardcore e la psichedelia elettronica degli svizzeri Young Gods del capolavoro “L’Eau Rouge” (1989).
I brani di questo viaggio celebrale sono tutti indistintamente da vivere (non solo da ascoltare) ma la conclusiva Drogo risulta un piccolo capolavoro all’interno di un disco già di per se notevole, trattandosi di una lunga suite dove lo stoner incontra l’elettronica in una atmosfera pinkfloydiana, come un Live at Pompei suonato nell’anno 3000, in una parola grandiosa.
Perdersi in questo album è stato faticoso ma bellissimo.

Tracklist:
1.Cow
2.Steps
3.Dirt S.A
4.Liar
5.Donor
6.Chora
7.Bleed
8.Drogo

Line-up:
Matteo Passamonti – Basso,voce,effetti
Michele Calamita – Batteria
Luca Giovagnoli – Chitarra,effetti

VOLDO – Facebook

)

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
2 Comments
  • Avatar
    Francesco Mastellone
    Posted at 20:10h, 18 Gennaio Rispondi

    ‘st’album è fenomenale. Tenerlo in macchina è un rischio costante di intripparsi e perdersi 8}

    • Avatar
      admin
      Posted at 09:15h, 19 Gennaio Rispondi

      w l’intripparsi !!!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta