iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Uvikra – Bi

Da Vilnius, Lituania, arriva questo bizzarro progetto denominato Uvikra, dietro al quale si cela un solo musicista conosciuto come Loikav.

Uvikra – Bi

Bi è uscito in realtà nel 2011 ma solo oggi, grazie alla badGod Music, ha avuto la possibilità d’essere distribuito anche nel formato cd: trattasi di una mezz’oretta di black/death dai tratti prevalentemente sperimentali che mostra passaggi di sicuro interesse affiancati ad altri decisamente meno riusciti, spesso nell’ambito del medesimo brano.
Di Loikav piace senz’altro la volontà di non appiattirsi su schemi compositivi precostituiti e, in effetti, all’interno di Bi gli spunti di interesse davvero non mancano: il problema è che sovente le buone intenzioni non sono seguite da un’esecuzione all’altezza, soprattutto nelle parti più frenetiche e nell’uso della voce.
Un brano come Weak Hands indica quale potrebbe essere la strada da seguire per il musicista lituano, tenendo conto che queste composizioni appartengono comunque al passato e che è lecito attendersi un’ulteriore evoluzione: bene, quindi, nelle parti più riflessive, con un uso convincente e non banale della chitarra, e valide, seppure un po’ caotiche, le improvvise accelerazioni; da rivedere il growl, invero piuttosto primitivo, ma sicuramente più adeguato rispetto alle clean vocals che, francamente, al livello esibito in Bi non sono proponibili.
Vale la pena, quindi, di tenere presente questo lavoro perché si intuisce negli Uvikra una vena creativa tutt’altro che trascurabile e in grado di emergere compiutamente già alla prossima occasione, se Loikav riuscirà a liberarsi delle ancora rilevanti imperfezioni esibite in questa uscita.

Tracklist:
1. For a Ride
2. Weak Hands
3. Sentimental Victory
4. Leads in Letters
5. Question of Joy

Line-up :
Loikav

UVIKRA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.