Until My Funerals Began – False Horizon

Until My Funerals Began – False Horizon 1 - fanzine

Until My Funerals Began – False Horizon

Gli ucraini Until My Funerals Began, come è facilmente intuibile dal monicker, propongono un funeral doom dai tratti piuttosto melodici, collocabile a grandi linee in un ambito stilistico che comprende act quali Ea, Eye Of Solitude e, in parte, Saturnus.

Pur non raggiungendo le vette compositive dei nomi sopra citati, il trio di Donetsk mette in mostra buoni doti compositive, riuscendo a districarsi con una certa disinvoltura in oltre un’ora di musica dai tratti ovviamente molto rallentati.
Il sound della band di Rumit (gli Until My Funerals Began sono nati come suo progetto solista, poi allargatosi a trio già a partire dal secondo full-lenght del 2011, “Behind The Windows”) si basa principalmente sulle progressioni tastieristiche ma, quando è la chitarra a prendere il proscenio, ciò avviene con un certo gusto delineando le consuete linee melodiche ricche di umori malinconici, una caratteristica che, pur non essendo certo una novità, rende l’ascolto di False Horizon assolutamente piacevole.
Un brano come Into the Lake of Ghosts, pur essendo una cover (My Dying Bride), si rivela emblematico dell’abilità dei nostri nel rielaborare ed esibire armonie evocative in grado di coinvolgere l’ascoltatore, con l’aiuto fondamentale del growl di Coroner, davvero convincente anche se talvolta troppo carico di effetti.

Nel complesso un lavoro di buon livello, forse parzialmente penalizzato da una registrazione non eccezionale oltre all’opinabile ricorso alla drum-machine, che restituisce un suono eccessivamente asciutto e, inevitabilmente, poco dinamico; nonostante ciò, False Horizon si rivela un ascolto consigliato senza alcuna riserva ai fruitori abituali del genere.

Tracklist:
1. Failure: At the Beginning
2. On the Path of Ashes
3. Into the Lake of Ghosts
4. Again, the Horizon
5. Failure: At the End

Line-up :
NGL – Bass
Rumit – Drum programming, Guitars, Keyboards, Vocals
Coroner – Vocals

UNTIL MY FUNERALS BEGAN – Facebook

Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.