Unfaithfull – Maelström

Unfaithfull – Maelström

Industrial melodic death metal (accidenti alle etichette …), ma d’altronde la musica proposta da questi ottimi Unfaithfull, a suo modo originale, è appunto un ottimo death metal melodico, dalle ritmiche che passano con disinvoltura dal core all’industrial.

La band piacentina è attiva dal 2010, anno d’uscita del primo full length, “Following The Black Light”, e ritorna sulle scene con questo nuovo mini cd dopo che, due anni fa era stato licenziato un promo che conteneva tre brani poi riproposti in Maelström.
La parte elettronica e sintetica inserita nel melodic death, già di per sé moderno, suonato dal gruppo, crea un interessante ibrido: il sound così risulta feroce ma elegante, uscendone vincitore.
L’industrial non accentua l’aggressività come in altre realtà, ma alimenta sfumature new wave, così che le canzoni risultino piacevoli, sempre in bilico tra impatto metallico ed appeal techno/dark, con le ritmiche core che rendono marziale e potente il tutto.
In questo vortice di suoni moderni, le chitarre a tratti ci regalano solos melodici di stampo scandinavo e il gioco (neppure troppo semplice) è fatto.
Maelström cattura l’attenzione per l’ottimo feeling delle canzoni e le buone intuizioni nel songwriting, che vanno oltre la classica riproposizione del genere in voga di questi tempi; certo, la componente core è presente in abbondanza, ma viene plasmata dal gruppo con sagacia e buone idee.
Sotto l’aspetto tecnico gli Unfaithfull ci sanno fare, e spicca sicuramente l’ottima prestazione del vocalist Nikla, bravo sia nel growl che nelle parti pulite, unica concessione della band a soluzioni modaiole, (su Limited Edition Human il tono, leggermente declamatorio, ricorda i Fear Factory).
Notevoli i sette minuti di Ares, brano top del lavoro, che riassume perfettamente il sound del gruppo passando dal metalcore al death melodico, dalla new wave al più aggressivo industrial, con efficacia e senza particolari forzature.
In conclusione, Maelström si può senz’altro definire un lavoro riuscito: la band potrebbe regalare grandi soddisfazioni con le prossime mosse, quindi va tenuta senza dubbio sotto osservazione.

Tracklist:
1. Non Newtonian Ego
2. Maelstrom
3. Limited Edition Human
4. Ares
5. The Hole

Line-up:
Drew – Guitar/synth/pads/noise and effects
Titta – Bass
Canta – Guitar
Nikla – Vocals
D-Side – Drums

UNFAITHFULL – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.