Trinakrius – Seven Songs Of The Seven Sins

Trinakrius – Seven Songs Of The Seven Sins

Il nuovo disco dei Trinakrius conferma il definitivo cambio di direzione impresso al sound dal leader Claudio Fiorio (batterista anche negli Holy Knights); se questa vada considerata come un'evoluzione o al contrario una svolta verso una musica più fruibile dipende dai punti di vista e dai gusti personali.

Certo, all’appassionato di doom che scrive queste righe, un lavoro come “Sancta Inquisitio” non era affatto dispiaciuto, ma non per questo Seven Songs Of The Seven Sins va considerato un passo indietro, anzi …
Intanto non si può non rimarcare il fatto che dal full-length di esordio sono trascorsi sette anni, che la line-up è interamente mutata ad eccezione del membro fondatore e che già il precedente “The Black Hole Mind” aveva in qualche modo anticipato questa nuova direzione stilistica: nuova, ma pur sempre nel solco di un metal tradizionale definibile come un power melodico che si trascina ancora appresso qualche antico retaggio epic-doom.
Il disco, che a livello lirico verte sui sette vizi capitali, presenta diversi brani di grande spessore come, per esempio, Sloth, un heavy-doom dal grande impatto, o Envy, che si sposta su coordinate più power per quanto sempre piuttosto robuste e per certi aspetti vicine ai primi Queensryche, con un inizio piuttosto cupo ma capace di mostrare ampie aperture melodiche.
Molto valida anche Lust (e poi, diciamocelo, a chi non piace un po’ di sana lussuria …) ma la traccia che si fa ricordare di più è quella che chiude il concept, ovvero “Ira”, che mostra la band palermitana nuovamente alle prese con testi in italiano che non mettono sicuramente a disagio il bravo Fabio Sparacello, conferendo invece una particolare aura melodica al brano.
Detto della riuscita cover dei Sanctuary, Die For My Sins, che chiude il lavoro, non si può che promuovere a pieni voti questo ritorno dei Trinakrius, capaci di assimilare diverse influenze riuscendo nell’impresa di non apparire la copia carbone di qualche band in particolare.

Track list :
1. Pride (I Am the One)
2. Sloth (Shelve and Delay)
3. Envy (Malicious Desires)
4. Gluttony (Anorexia)
5. Lust (Sex Humanity)
6. Greed (All Mine)
7. Ira (L’Oscura Ascesa)
8. Die For My Sins (Sanctuary cover)

Line-up :
Claudio Florio – Drums, Vocals
Alessio Romeo – Keyboards
Emanuele Bonura – Guitars
Francesco Rubino – Bass
Fabio Sparacello – Vocals

TRINAKRIUS – pagina Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.