iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Trinakrius – Seven Songs Of The Seven Sins

Il nuovo disco dei Trinakrius conferma il definitivo cambio di direzione impresso al sound dal leader Claudio Fiorio (batterista anche negli Holy Knights); se questa vada considerata come un'evoluzione o al contrario una svolta verso una musica più fruibile dipende dai punti di vista e dai gusti personali.

Trinakrius – Seven Songs Of The Seven Sins

Certo, all’appassionato di doom che scrive queste righe, un lavoro come “Sancta Inquisitio” non era affatto dispiaciuto, ma non per questo Seven Songs Of The Seven Sins va considerato un passo indietro, anzi …
Intanto non si può non rimarcare il fatto che dal full-length di esordio sono trascorsi sette anni, che la line-up è interamente mutata ad eccezione del membro fondatore e che già il precedente “The Black Hole Mind” aveva in qualche modo anticipato questa nuova direzione stilistica: nuova, ma pur sempre nel solco di un metal tradizionale definibile come un power melodico che si trascina ancora appresso qualche antico retaggio epic-doom.
Il disco, che a livello lirico verte sui sette vizi capitali, presenta diversi brani di grande spessore come, per esempio, Sloth, un heavy-doom dal grande impatto, o Envy, che si sposta su coordinate più power per quanto sempre piuttosto robuste e per certi aspetti vicine ai primi Queensryche, con un inizio piuttosto cupo ma capace di mostrare ampie aperture melodiche.
Molto valida anche Lust (e poi, diciamocelo, a chi non piace un po’ di sana lussuria …) ma la traccia che si fa ricordare di più è quella che chiude il concept, ovvero “Ira”, che mostra la band palermitana nuovamente alle prese con testi in italiano che non mettono sicuramente a disagio il bravo Fabio Sparacello, conferendo invece una particolare aura melodica al brano.
Detto della riuscita cover dei Sanctuary, Die For My Sins, che chiude il lavoro, non si può che promuovere a pieni voti questo ritorno dei Trinakrius, capaci di assimilare diverse influenze riuscendo nell’impresa di non apparire la copia carbone di qualche band in particolare.

Track list :
1. Pride (I Am the One)
2. Sloth (Shelve and Delay)
3. Envy (Malicious Desires)
4. Gluttony (Anorexia)
5. Lust (Sex Humanity)
6. Greed (All Mine)
7. Ira (L’Oscura Ascesa)
8. Die For My Sins (Sanctuary cover)

Line-up :
Claudio Florio – Drums, Vocals
Alessio Romeo – Keyboards
Emanuele Bonura – Guitars
Francesco Rubino – Bass
Fabio Sparacello – Vocals

TRINAKRIUS – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.