Treehorn – Hearth

Treehorn - Hearth: Debutto in odore di revival anni '90 per i cuneesi Treehorn e per il loro Hearth, decisamente figlio di stoner e sludge ...

Treehorn – Hearth

Debutto in odore di revival anni ’90 per i cuneesi Treehorn e per il loro Hearth, decisamente figlio di stoner e sludge d’annata

I Treehorn (Davide Olivero, Gianandrea Cravero, Davide Maccagno) vengono da quel cuneese che negli ultimi anni ha sfornato svariate band votate al suono pesante e graffiante. Questo Hearth (da intendersi come un incrocio tra heart e earth), debutto ufficiale sulla lunga distanza, si caratterizza per l’incrocio fra stoner e sludge e per la capacit√† di riportare alla mente un suono lontano di almeno 20 anni.

Stockholm, in apertura, emerge dalle tenebre per farsi spazio su sonorit√† profondamente legate agli anni ’90, tra chitarre ruvide, strizzate d’occhio al doom e ritmiche magmatiche, mentre Taurus, Not Bull, secondo pezzo presentato, scalcia e si dimena, fra sonorit√† nervose e passione per i deserti americani. Wakin’life, pi√Ļ lenta e riflessiva, si fa pastosa, torrida e sudata, lasciando poi spazio a Senescence (come impattare contro un carrarmato inamovibile), tesa nell’inizio e calda e dilatata nella seconda parte. Aluminium, strumentale, schiaccia l’ascoltatore sotto il suo peso, trascinandoci nelle sue roventi allucinazioni da peyote e consegnandoci, poi, a Freeway To The Sun, alla sua pioggia di pietre e al suo ammiccare ai Tool. Infine, Apostolic, pezzo liquido e sinuoso, lascia presto posto a Black Mirror, ancora una volta orientata su sonorit√† roventi.

I Treehorn mettono su disco otto pezzi gravidi di suono e ben suonati, in cui tutto sarebbe in regola, se non fosse per due cose: quel suonare così simile a band di ben altra caratura e il non riuscire a presentare canzoni che possano chiaramente definirsi decisive. Insomma, un disco gradevole, un buon debutto, ma consigliato principalmente agli amanti del genere.

TRACKLIST:
01. Stockholm
02. Taurus, Not Bull
03. Wakin’ Life
04. Senescence
05. Aluminium
06. Freeway To The Sun
07. Apostolic
08. Black Mirror

TREEHORN HEARTH

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

LES LULLIES – MAUVAISE FOI

A cinque anni dal fragoroso album di debutto omonimo (un ruspante affresco di dieci episodi di veloce garage punk senza fronzoli) i francesi Lullies tornano sulle scene con un nuovo disco, “Mauvaise Foi” (Bad Faith) uscito, a fine maggio, sempre su Slovenly Rercordings.Il secondo Lp

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.