iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Torment – Suffocated Dreams

In tempi come questi, nei quali la proliferazione del thrash metal sta assumendo dimensioni numericamente debordanti, appare piuttosto coraggiosa la scelta di ristampare il disco di debutto dei Torment, band milanese che ha al suo attivo un solo altro full-length, uscito lo scorso anno.

Torment – Suffocated Dreams

In effetti, chi ha apprezzato le sonorità piuttosto tradizionali contenute all’interno di “The Damage Is Done”, gradirà anche questa mezz’ora abbondante di thrash certamente genuino ma ben lungi dall’essere in grado di lasciare un segno tangibile.
Del resto c’è pure il concreto rischio che il disco, a sei anni di distanza dalla sua uscita , proponga un’immagine distorta di ciò che è oggi la band in virtù dalla sua naturale evoluzione, sia a livello di songwriting che di mera tecnica individuale.
Suffocated Dreams attinge a piene mani alla scuola teutonica del secolo scorso e i brani che lo compongono sono tutt’altro che deprecabili, salvo il difetto, comprensibile per un gruppo allora al primo passo discografico, di omettere del tutto o quasi variazioni di ritmo in grado di rendere meno piatto l’ascolto: in questo senso vanno segnalate le ultime due tracce, Poisoned Existence e Living Mannequin che contengono apprezzabili passaggi di chitarra solista.
Un’uscita che potrebbe destare qualche interesse nei collezionisti o nei fan più accaniti del gruppo, ma per avere un’idea del reale spessore dei Torment meglio riascoltare “The Damage Is Done” oppure attendere la loro prossima uscita.

Tracklist:
1. Oppressed
2. Mystery of the Soul
3. In Your Subconscious
4. Never See the Light
5. Pathology
6. Illusive Tranquillity
7. Poisoned Existence
8. Living Mannequin

Line-up :
Thrasher – Drums
Fabri – Guitars
Fede – Guitars
Ea – Bass
Ermanno – Vocals

TORMENT – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sutratma – Images Beyond the Self / Realms of Eternal Immolation

La particolare scelta operata dai Sutratma ci consente di ascoltare circa un’ora e quaranta minuti di ottimo funeral doom atmosferico, composto con grande competenza, sempre con un occhio molto attento a un’idea di forma canzone che non è così scontata in questo sottogenere e, soprattutto, con un’importante componente melodica che rende molto più semplice l’assimilazione di tutti i brani, anche quelli di maggiore estensione.

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.