iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Whip Hand – Wavefold

I The Whip Hand sono avvolgenti e tenebrosi, affascinanti e decadenti.

The Whip Hand – Wavefold

The Whip Hand, trio pugliese di Trani fondato nel 2012, è uno dei gruppi emergenti italiani con più talento.

La loro proposta musicale è una new wave oscura ed ossessiva, con reminescenze shoegaze di scuola comunque britannica.
Il disco d’esordio è stato prodotto da Vito Ballarino e Vincenzo Zingaro, grazie al fondamentale apporto di Rock Contest Controradio, festival che ha portato alla ribalta Offlaga Disco Pax, Samuel Katarro e i Blue Willa, fra gli altri.
Ascoltando il disco si viene catapultati indietro di un ventennio, tanto sono bravi e credibili questi ragazzi.
Wavefold è la conferma che in Italia vi è un forte e talentuoso sottobosco di new wave post punk davvero notevole, come testimoniano anche i Soviet Radio, tanto per citare un gruppo.
I The Whip Hand sono avvolgenti e tenebrosi, affascinanti e decadenti; per apprezzare questo disco è meglio farsi travolgere, e sarà bello.
Vi sono dei paralleli tra l’epopea della new wave nei settanta-ottanta e questo revival, forse si sta riproponendo un’epoca storica di crisi simile a quella, o forse la crisi non è mai scomparsa, e questo ritmo forte e sincopato è la colonna sonora ideale del disagio.
In ogni caso questo è un ottimo disco, di un gruppo certamente non commerciale, anzi sincero e potentemente depresso.
Non ci metterete molto a farvi travolgere.

Tracklist:
1. Intro
2. Like water
3. Try
4. Eleven
5. Lost
6. Today
7. Falling
8. Arms
9. A
10. Whenever you want

THE WHIP HAND – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sumac – The healer

Sumac: una delle più particolari e meravigliose esperienze sonore che possiate compiere in questi tempi aridi.

Accept – Humanoid

Accept: l coerenza e la voglia di essere sempre all’altezza producono un disco come questo, indiscutibilmente buono.

Terramorta – Intifada

Esordio discografico per i Terramorta, gruppo grindcore metal con un tiro esagerato, un qualcosa che ti si attacca addosso come una sanguisuga e non ti molla fino alla fine.