iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Temple – Forevermourn

Forevermourn è un album affascinante, con le sue sonorità senza tempo volte e perpetuare la tradizione di un genere che continua a sfornare band e dischi di ottimo livello, in barba al suo poco o nullo appeal commerciale.

The Temple – Forevermourn

I greci The Temple, dopo una lunghissima pausa successiva alla loro nascita risalente al 2005, arrivano al full length d’esordio con il loro doom dai tratti epici, come si conviene a chi proviene dalla terra ellenica, intrisa di storia come forse nessun’altra.

La matrice mediterranea dei musicisti si rifà quindi alla tradizione del genere così come viene suonato sulle sponde del Mare Nostrum (vedi gli italiani Doomsword e i maltesi Forsaken, anche se con sfumature differenti) pur mantenendo ben salde le proprie radici che affondano in band seminali come Solstice e Candlemass.
L’album così si snoda in maniera molto essenziale ma non di meno efficace: da ogni sua nota trasuda sincerità ed autentica passione per un genere che, del resto, solo un visionario potrebbe pensare di suonare oggi per un mero interesse economico (tanto più se lo si fa a Salonicco, ma non è che a New York o a Londra le cose cambino poi molto).
Dopo un inizio piuttosto convenzionale, con la discreta The Blessing, Forevermourn cresce gradualmente e già la successiva Qualms In Regret si segnala come uno dei picchi del lavoro, grazie a melodie lineari, forse già sentite, ma ugualmente coinvolgenti. Attenzione, però, semplicità non è sinonimo di banalità: i The Temple sono buoni musicisti e non disdegnano passaggi più elaborati e fraseggi riflessivi, come avviene nell’ottima Death The Only Mourner, ma è evidente che il meglio arriva quando il pathos si compenetra in maniera naturale con la struttura metallica.
In tal senso si rivela esemplare la monumentale Until Grief Reaps Us Apart, brano di oltre dieci minuti posto in chiusura, che fonde in maniera mirabile il mood epico e malinconico con la pesantezza di un sound che regala riff pachidermici più ancora che nel resto del lavoro.
Forevermourn è un album affascinante, con le sue sonorità senza tempo (che forse qualcuno definirà anacronistiche, ma non è un problema nostro) volte e perpetuare la tradizione di un sottogenere che continua a sfornare band e dischi di ottimo livello, in barba al suo pressochè inesistente appeal commerciale.

Tracklist:
1. The Blessing
2. Qualms in Regret
3. Remnants
4. Death the Only Mourner
5. Mirror of Souls
6. Beyond the Stars
7. Until Grief Reaps Us Apart

Line-up:
Father Alex – Bass, Lyrics, Songwriting, Vocals
Paul – Drums
Stefanos – Guitars
Phelipe – Guitars

THE TEMPLE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.