The Suicide Of Western Culture – The Suicide Of Western Culture

The Suicide Of Western Culture – The Suicide Of Western Culture

Poco tempo fa, ho avuto tra le mani i tre cd boxes degli Esplendor Geométrico, un gruppo ispanico di industrial elettro noise, e pensavo che fosse una roba indigeribile. I Suicide of Western Culture s’ispirano a loro per quanto riguarda i mezzi, ovvero cose come i Casio Cz – 1000 o la batteria elettronica TR 505. Per quanto riguarda le trame, invece ci aggiriamo nelle ampie praterie di Godspeed You Black Emperor, Tortoise, Mogwai, etc, ma declinati con l’elettronica.

Composizioni oscure, pesanti nel concetto ma agili nel librarsi nell’etere. Non è musica leggera, nel senso che sottintende tragedie personali e non, c’è un’inadeguatezza di fondo alla cultura occidentale, pur usandone i mezzi. Io associo questo disco alla lettura dell’ultimo libro di Eymerich “ Rex tremendae maiestatis”, ovvero quel senso di disgrazia imminente che ti fotte, perchè la disgrazia è già avvenuta e si chiama vita. A parte questo, i Suicide of the Western Culture sono un gran gruppo di elettronica, hanno aperture melodiche grandiose, e la loro essenzialità è un pregio. Gran disco davvero, nell’attesa che la cultura occidentale si tiri un bel cappio al collo.

waww.myspace.com/thesuicideofwesternculture

THE SUICIDE OF WESTERN CULTURE - THE SUICIDE OF WESTERN CULTURE

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.