The Nine Tears – Secrets

The Nine Tears – Secrets

I Nine Tears riescono perfettamente a rendere un suono ipnotico, come se ci fosse un pifferaio di Hamelin che ci conduce verso un posto oscuro ma dopotutto dolce e caldo.

Gruppo foggiano di new wave con una forte dose di darkwave, molto melanconico e plumbeo. Attivi dal 2011 questi ragazzi pugliesi fanno una musica semplice ma molto coinvolgente, con un forte retrogusto gotico e con un sapore di anni ottanta.

I Nine Tears riescono perfettamente a rendere un suono ipnotico, come se ci fosse un pifferaio di Hamelin che ci conduce verso un posto oscuro ma dopotutto dolce e caldo. La darkwave è un sottogenere che non ha mai cessato di esistere e che regala sempre ottime emozioni se è concepito e suonato come dai The Nine Tears, e il segreto è la passione e la competenza, senza fare pose. L’unico difetto del disco è che a volte va troppo vicino ad essere una litania leggermente ripetitiva, ma la media rimane comunque alta.

TRACKLIST
1.Suck My Honey
2.Divine
3.Secrets
4.A Time Is Waiting
5.Let Me Destroy Myself
6.Song For Nastya
7.The Church
8.Time Leaves The Signs
9.My Breaths In Yours

LINE-UP
Michele Perrella – Voice, Keyboards and drum programming.
Gerardo Konte – Keyboards, noise and effects.

THE NINE TEARS – Facebook

DESCRIZIONE SEO / RIASSUNTO

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.