Temple Of Baal – Verses Of Fire

Temple Of Baal – Verses Of Fire

Fondati nell’ormai lontano 1998 da Amduscias come one-man band, i Temple Of Baal nel corso del tempo hanno accolto altri musicisti. Dopo 15 anni, tre dischi e svariati split con band di tutto il mondo, eccoli qui con la nuova malefica opera.
Nel suono dei Temple Of Baal c’è stata sicuramente un’evoluzione molto forte, da un primitivo black-thrash, ad un più articolato e complesso death metal tendente sempre al black.
Questo quarto album dovrebbe essere quello della definitiva consacrazione per questo gruppo, che si conferma molto al di sopra della media.
Le canzoni sono ben strutturate e la produzione di Andrew Guillotin (se io fossi francese vorrei chiamarmi Guillotin) rende benissimo ciò che il gruppo voleva. In poco meno di un’ora si esplorano diverse regioni del metal, sempre rimanendo su di un piano old-school.
Verses Of Fire è un disco molto particolare e pieno di sorprese, metal estremo al suo meglio. Sicuramente possiamo sentirci dentro molto degli anni novanta, a mio personale avviso uno dei migliori momenti del metal.

Tracklist:
1 To Asteri 418
2 Bloodangel
3 Arcana silentium
4 The 10th Aethyr
5 Gates of death
6 Gnosis of fire
7 Golden wings of Azazel
8 Lords of the raging seas
9 Serpens luminis
10 Walls of fire

Line up:
Arkadamon – Bass, Backing Vocals
Amduscias – Vocals, Guitars
Skvum – Drums

TEMPLE OF BAAL – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.