Tacobellas – Don’t Try This At Home

Tacobellas

Tacobellas – Don’t Try This At Home

Nuovo ep per il duo modenese al femminile Tacobellas.

Assalto punk lo-fi nel loro stile asciutto ed essenziale. Questi quattro brani sono intrisi di punk, garage, e soprattutto di un groove bello potente, con cori da cantare a squarciagola ovunque siate, perchè ora anche la cameretta è un club dove suonare, anzi forse l’unico.

Questo  succoso ep è l’anticipazione del nuovo disco sulla lunga distanza, Sudore, Sesso e Sangiovese, in uscita a fine anno. L’ep è stato registrato durante il confino pandemico in totale autonomia, ricreando quell’atmosfera da garage sala prove sudata e fumosa, Le due ci sono riuscite benissimo, regalandoci quattro brani belli grezzi e ritmati alla loro maniera, perché le Tacobellas fanno le cose da Tacobellas. Un altro loro intento pienamente riuscito è quello di accorciare le distanze fra musicista ed ascoltatore, eliminando la figura del produttore.

Esperimento completamente riuscito, e che va ben oltre lo steccato dei generi, confermando come si possa fare innovazione partendo dalla tradizione.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.