Straight To Pain – Earthless

Straight To Pain – Earthless

Questo gruppo è di un altro livello rispetto al metalcore attuale e se riuscirà a fare i giusti passi nulla gli è precluso

Seconda prova per gli Straight To Pain, formazione metalcore savonese.

Nati nel 2009, inizialmente dediti a sonorità tra metal ed hardcore come quelle degli Hatebreed, i savonesi virano velocemente ad un suono più vicino al metal.
Nel 2012 vede la luce l’ep “Leave It To The Sea”, che è il preludio al disco su lunga durata “Horizon Calls” del 2013, già recensito su In Your Eyes. Rispetto al primo lavoro questo secondo ep sancisce la definitiva entrata nel novero dei migliori gruppi metalcore italiani.
La produzione è di buon livello e mette in luce la potenza di questi ragazzi, che lavoro dopo lavoro si avvicinano molto al metal.
Le chitarre sono taglienti e senza tregua, mentre la sezione ritmica è incessante.
La differenza fra gli Straight To Pain e il resto del mare magnum del metalcore è la composizione di un livello superiore.
Le canzoni non si esauriscono da sole o sono strutturate unicamente per far vedere che potenza o che produzione ci sia dietro, ma sono fatte per coinvolgere l’ascoltatore in un progetto distruttivo al fine di liberasi dalle angosce e dai problemi, come in una catarsi.
Questo gruppo è di un altro livello rispetto al metalcore attuale e se riuscirà a fare i giusti passi nulla gli è precluso.
E’ora di buttarsi nel moshpit.

Tracklist:
1. Everything Dies
2. Roots of Desperation
3. No One Left To Save
4. Whisper of War
5. Let It Burn

Line-up:
Simone Luise – Voce
Nicolò Varaldo – Chitarra
Marco Salvadori – Basso
Stefano Ravera – Batteria

STRAIGHT TO PAIN – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo