Stearica – Fertile

Musica davvero inedita per spiriti curiosi ed affamati, che odiano le sicurezze, amano le spinte in avanti e il bilico.

Stearica – Fertile

A otto anni dal precedente e notevolissimo “Oltre” tornano tre torinesi che molto probabilmente formano uno dei migliori gruppi italiani degli ultimi anni, gli Stearica.

Come tante altre eccellenti realtà sono più conosciuti ed apprezzati all’estero che in patria, ma abbiamo la possibilità di redimerci con questo Fertile, che è uno splendido seme di ribellione sonora, di creatività puramente strumentale, un attacco al cuore delle convenzioni. Ed infatti questo disco esce per la Monotreme Recrods
La storia dei Stearica è una narrazione condivisa da molti gruppi post rock, ma loro hanno qualcosa in più, come si può sentire molto bene in questo album.
La loro musica quasi totalmente strumentale è come un cielo stellato che parla, come la sensazione di trovare il tassello mancante, la virgola che ci mette in armonia con il globo terracqueo ed oltre.
Forte nella loro musica è l’andamento cinematografico, con un incedere maestoso e molto sinfonico; infatti questi ragazzi hanno anche musicato il “Der Golem”, totem del film muto, tentativo perfettamente riuscito.
L’album è dedicato ai movimenti popolari sorti nei paesi arabi ed in Europa, fautori di un cambiamento che gli Stearica ben rappresentano in musica.
Come tutte le opere alchemiche questo disco ha avuto un tempo di produzione piuttosto dilatato ma ne è assolutamente valsa la pena, visto che siamo al cospetto di un capolavoro.
Niente è già ascoltato, tutto è un furioso divenire, una catarsi di un qualcosa che è già dentro di noi e che gli Stearica, come ostetriche del rumore, portano fuori.
Il loro suono è meraviglia, è post rock fatto con aggro ed attitudine neurotica, lasciando ad altri gli orpelli, pur essendo suonato benissimo e composto da favola.
Le loro influenze si sentono tutte, dai numi tutelari Acid Mothers Temple, ai Neurosis, al post rock anni primi duemila, ma il fatto è che sono gli Stearica a tracciare un solco, e non loro che ne seguono uno precedente.
Musica davvero inedita per spiriti curiosi ed affamati, che odiano le sicurezze, amano le spinte in avanti e il bilico.

Tracklist:
1. Delta
2. Hailte
3. Bes
4. Geber
5. Nur
6. Tigris
7. Siqlum
8. Amreeka
9. Shah Mat

Line-up:
Francesco Carlucci – guitar, bass, synth, programming
Davide Compagnoni – drums, percussion, samples
Luca Paiardi – bass

STEARICA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunità: quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano