Sleepwalkers – Hollowpath

Sleepwalkers – Hollowpath

Se è fuor di dubbio che, oltreoceano, il modello stilistico per il genere sia costituito prevalentemente dai mai abbastanza lodati Daylight Dies e dai grandi Novembers Doom, la band di Austin non si sottrae a questo canovaccio stilistico uscendo comunque piuttosto bene dal non semplice confronto.

Gli Sleepwalkers hanno il merito di proporre un sound che fa della compattezza il proprio punto di forza anche se, per assurgere ai livelli dei più grandi manca ancora un pizzico in più di quella vena malinconica ed evocativa che è ciò che può rendere memorabili le singole tracce: in alcuni frangenti, infatti, le azzeccate linee melodiche non sempre vengono sviluppate come meriterebbero. Detto questo, però, Hollowpath è decisamente un bell’esordio, che trova i suoi picchi qualitativi soprattutto nella title-track e nella conclusiva Netherworld, frangenti nei quali gli Sleepwalkers riescono a fornire ai brani una connotazione maggiormente emotiva.
Piuttosto convincente anche il growl di Caleb Bergen, coadiuvato dalla poliedrica prestazione del polistrumentista Mike Watts, autore delle musiche e responsabile in prima persona anche della produzione dell’Ep.
Indubbamente Hollowpath costituisce un ulteriore segnale di vitalità da parte di una scena death-doom a stelle e strisce in notevole fermento, evidenziato per di più da band sconosciute o alle prese con autoproduzioni, come nei casi già oggetto di recensione su IYE dei Woccon e dei Nethermost.
Per quanto riguarda gli Sleepwalkers, quindi, i numeri per potersi ritagliare uno spazio rilevante all’interno del movimento paiono averli tutti, si tratta solo di attendere le loro prossime mosse.

Tracklist :
1. Hollowpath
2. Sliver of Salvation
3. The Burning Oracle
4. Netherworld

Line-up :
Mike Watts- Guitars, Bass, Drums
Caleb Bergen – Vocalspagina face book

SLEEPWALKERS

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati