Shrine Of The Serpent – Shrine Of The Serpent

Shrine Of The Serpent – Shrine Of The Serpent

Un Ep di buon livello che si fa apprezzare proprio in virtù del suo incedere linearmente fangoso.

Nati come Tenspeed Warlock alla fine dello scorso decennio, i Shrine Of The Serpent pubblicano il primo lavoro con il nuovo monicker, un Ep omonimo della durata di circa mezz’ora distribuita in tre brani.

Il trio di Portland si cimenta in uno sludge doom dalle notevoli connotazioni death: il risultato è un sound tremendamente pesante e monolitico che trascina nel proprio gorgo tutto ciò che incontra sul proprio percorso .
La varietà in questo lavoro è un sostantivo sconosciuto e, alla fine, Shrine Of The Serpent suona come se la puntina del vinile di “Forest Of Equilibrium” si fosse incantata su uno dei riff più pesanti messi in scena da Gary Jennings.
La voce in growl fa il resto, andando a comporre un quadro che tutto sommato dovrebbe soddisfare non poco gli appassionati del doom più sporco e verace, specialmente al termine dell’ascolto di Gods Of Blight, la feroce esibizione che chiude un Ep a mio avviso di buon livello e che si fa apprezzare proprio in virtù del proprio incedere linearmente fangoso.
Da tenere d’occhio in vista di un possibile full-length.

Tracklist:
1. 9 Gates of Shadow
2. King in Red
3. Gods of Blight

Line-up:
Garret Hubner – Drums
John Boyd – Guitars, Vocals
Todd Janeczek – Guitars, Vocals

SHRINE OF THE SERPENT – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.