iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Shades of Deep Water – Cold Heart

Se nella ricca discografia dei Shades of Deep Water a prevalere è sempre stato un funeral doom atmosferico e alquanto evocativo allo stesso tempo, Cold Heart si rivela invece un lavoro che spiazzerà parzialmente chi si sarebbe atteso il logico seguito allo splendido Deluge Towards Its Close ma va detto che, comunque, il buon talento musicale del musicista finlandese pone tutto ciò in secondo piano.

Shades of Deep Water – Cold Heart

A un anno esatto dall’uscita di Deluge Towards Its Close, Juho Huuskola si ripropone con il suo progetto principale Shades of Deep Water; Cold Heart è il quarto full length con questo moniker ma, rispetto ai precedenti, va notato un uno spostamento verso il death doom melodico più vicino a quanto fatto nell’unico episodio marchiato In Depths Of Winter.

Infatti, se nella comunque ricca discografia dei Shades of Deep Water (che annovera anche diverse uscite di minutaggio inferiore) a prevalere è sempre stato un funeral doom atmosferico e alquanto evocativo allo stesso tempo, Cold Heart si rivela invece un lavoro che spiazzerà parzialmente chi si sarebbe atteso il logico seguito allo splendido Deluge Towards Its Close ma va detto che, comunque, il buon talento musicale del musicista finlandese pone tutto ciò in secondo piano.

I quattro brani iniziali sono decisamente più ritmati, altrettanto efficaci nella loro buona fruibilità (specialmente la title track e Ice Damn) e si risolvono in maniera piuttosto concisa per le abitudini del sottogenere, dato che non superano quasi mai i cinque minuti di durata; le cose cambiano con le due canzoni conclusive, The Terror e The Endless, che con i loro 20 minuti complessivi coprono metà della durata dell’album.

The Terror è a mio avviso il brano più interessante del contesto perché è anche quello dai tratti più rallentati, avvicinandosi maggiormente a un’idea di funeral rispetto al resto della tracklist, mentre The Endless è un lungo strumentale prevalentemente di matrice acustica che si rivela tutt’altro che superfluo, rappresentando il degno finale di un lavoro a mio avviso molto valido ma che non raggiunge la magnificenza di Deluge Towards Its Close, semplicemente solo perché non vengono eguagliate l’intensità e la malinconica lacerazione evocate anche in buona parte delle opere passate degli Shades of Deep Water.

2024 – Autoproduzione

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.

Grey Skies Fallen – Molded by Broken Hands

I Grey Skies Fallen rispetto a molte altre band del settore possiedono una forte indole progressive e una spiccata propensione alla forma canzone, il che li rende tutto sommato abbastanza peculiari e meno inquadrabili.