iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Samsara – Charon’s Lullaby

I Samsara offrono tre quarti d'ora di death doom atmosferico di eccellente pregio; Charon's Lullaby trova il suo fulcro in due lunghe tracce lungo le quali melodie struggenti si inseguono senza soluzione di continuità, sostenute da un comparto ritmico comunque robusto.

Samsara – Charon’s Lullaby

Anche se il full length d’esordio When the Soul Leaves the Body aveva già mostrato le buone qualità dei Samsara, è innegabile che il nuovo Charon’s Lullaby rappresenti in qualche modo una piacevole sorpresa.

La band slovacca, fondata e guidata tuttora da Tibor Šimansky, regala tre quarti d’ora di death doom atmosferico di eccellente pregio; l’album trova il suo fulcro in due lunghe tracce come Charon’s Lullaby e Sleeping Beauty, lungo le quali melodie struggenti si inseguono senza soluzione di continuità, sostenute da un comparto ritmico comunque robusto.

Il leader imperversa con un pregevole lavoro chitarristico, che nei momenti solisti è stilisticamente prossimo ai Saturnus, e con un efficace growl che talvolta trova un contraltare nella voce femminile dell’ospite Simona Janovičová, protagonista assoluta nelle altre due più brevi e intimiste canzoni, Buried Love e Memories.

Detto che l’altro ospite è il ben noto Déhà, il quale offre il suo prezioso alle tastiere, resta solo da ribadire che Charon’s Lullaby è un lavoro gratificante per chiunque ami queste sonorità che pone i Samsara in una posizione di assoluto riguardo all’interno della scena europea del doom estremo.

2024 – Autoproduzione

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.