iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Rise Of Tyrants – Trauma

Death metal con intarsi provenienti dagli altri generi dell'universo metallico, per un risultato di sicuro effetto.

Rise Of Tyrants – Trauma

I Rise Of Tyrants cominciano la loro avventura in quel di Bergamo nel 2011, per poi stabilizzare la formazione nel 2012.
Il loro anno è però quello appena passato, il 2013, quando suonano con i leggendari Necrodeath .
Entrano in studio nella primavera del 2013 e incidono Trauma. Il loro stile è molto particolare, trattandosi di un death metal con molte influenze.
Il death dei Rise Of Tyrants, infatti, è molto tirato e cattivo, fatto con passione e grande tecnica. E dentro c’è un po’ di tutto, dai riff panterosi alle cadenze vicino ai Morbid Angel.
Sentendo questo lavoro ci si può trovare moltissima Svezia, dagli At The Gates ai Dark Tranquillity, dato che i debiti di chi fa death con la penisola scandinava sono moltissimi.
In tutte le nove tracce l’assalto sonoro miete numerose vittime, e i ragazzi fanno un eccellente lavoro.
Non c’è tregua, né futuro e consolazione in questo disco, e la produzione di Alex Azzali, già con Steve Di Giorgio, Blaze Bailey e Shane Embury, è di alto livello.
Trauma è un disco che picchia durissimo e che vola alto, ed è facile pronosticare un bell’avvenire per i Rise Of Tyrants.

Tracklist:
1 Never relent
2 Master of illusion
3 To desecrate
4 Death factory
5 Painted misery
6 Sowers of chaos
7 Instinct
8 Bloodlust
9 Five seconds

Line-up :
Diego Tiraboschi : voce
Paolo Morosini : chitarra
Riccardo Arrigoni : basso
Virgilio Breda : batteria

RISE OF TYRANTS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.