Riah – A man and his nature

Riah – A man and his nature

Un loop continuo di emozioni e di post metal e post rock di altissima intensità.

Riah è un acronimo per Ropes Inside An Hole, un collettivo post metal fra Italia e Svezia. I Riah hanno pubblicato qualche anno fa il loro debutto “Autumnalia” e poi un bellissimo split un altra grande entità del post metal italiano, i Postvorta.

Questo nuovo lavoro è un disco che nasce nella pandemia e nel confinamento, una delle esperienze umane più dure e difficili che ci hanno messo a confronto con noi stessi, smuovendo emozioni e tanto altro. “A man and his nature” uscirà a gennaio 2023 in cd per Shove Records ed in vinile per Voice Of The Unheard Records.

Il disco è molto molto intimo, una confessione davanti a noi stessi, ed il post metal venato di post rock dei Riah è il modo migliore per fare introspezione, cercando all’interno di noi stessi e anche al di fuori, tentando di capire la nostra natura, la sua esistenza e i suoi misteri. La musica è molto poetica e al contempo potente e creatrice, fa scorrere immagini ed emozioni all’interno del nostro cervello, grazie anche a continue svolte ritmiche, un arricchimento continuo di melodie e di momenti magici.

Nel panorama musicale non mancano gruppi musicali affini ai Riah, ma la delicata potenza e la capacità di creare magie di questo gruppo ha davvero pochi eguali. La distanza durante la produzione del disco ha cambiato in modo significativo lo stile di composizione, portandolo ad u livello superiore anche rispetto alle già ottime cose precedenti.

Dietro questa musica speciale c’è molto lavoro, e la lontananza ha fatto aumentare il volume della fatica, ma grazie al gruppo e alla adeguatissima produzione di Riccardo Pasini e alla masterizzazione del maestro Magnus Lindberg si è giunti ad un ottimo risultato. Sicuramente rispetto ai lavori precedenti possiamo trovare una maggiore dolcezza, e la comparsa del cantato in tre tracce, e anche ospiti notevoli come il violino di Hernan Paulitti, il sassofono del jazzista William Suvanne, il violoncello di Francesco “Fresco” Cellini , i sintetizzatori di Mohammed Ashfarf e la voce di Daniel Loefgren dei Suffocate For Fuck Sake.

Ognuno di questi ospiti portano un pezzetto della loro arte e contribuiscono a dipingere un quadro impressionista, un inserto onirico che rende sopportabile la realtà, e che ci mostra qualcosa di differente. Ogni canzone è strutturata per crescere lentamente quasi in sitle jazzistico, con intarsi sonori che supportano la linea melodica principale con uno stile unico.

Post rock e post metal fatti in maniera molto originale e che rendono questo disco una panacea a tanti mali, perché durante l’ascolto si cade in un tepore piacevolissimo, in una culla amniotica che elimina ogni dolore parlando del male stesso.

I Riah ci vedono e si vedono come nella bellissima copertina del disco di Domenico Committo, ovvero una forma misteriosa che si guarda intorno interrogandosi sulla sua natura. Un disco di un’altra dimensione per dolcezza, malinconia e struggente bellezza.

 

Riah A man and his nature

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.