Rezinwolf – Corruption Kingdom

Un disco riuscito e, per quanto derivativo, dall'ottimo songwriting, con tutte le caratteristiche richieste ad un buon album di genere.

Rezinwolf – Corruption Kingdom

L’ennesima nuova realtà thrash questa volta arriva da Harwich, Regno Unito: i  Rezinwolf, nati nel 2009, con all’attivo un Ep di debutto nel 2010, giungono al debutto sulla lunga distanza per la Killer Metal Records, etichetta tedesca molto attenta alle giovani thrash metal band che si affacciano sulla scena europea.

I quattro ragazzi inglesi ci sanno fare e se ne escono con questo buon lavoro di metal velocissimo, che strizza l’occhio ai maestri Testament senza risultare eccessivamente datati, grazie anche ad una ottima produzione che rende l’album piacevole all’ascolto fornendo un tocco moderno al sound.
Questo aspetto costituisce una buona percentuale per la riuscita del disco, gli strumenti si sentono tutti perfettamente così da apprezzare le prove dei singoli musicisti, specialmente la lead guitar di Brad Wosko e la voce del buon Danny Murphy, alle prese anche con la chitarra ritmica.
Dopo un’intro che ricalca l’inno “God Save The Queen”, si parte alla velocitĂ  della luce con Rage Against Us , tipica song old school dal buon assolo della solista e con il fantasma della band di Chuck Billy che aleggia anche sulla seguente Hail To Armageddon.
Beyond The Rapture, song dal buon riff, se possibile corre ancora piĂą veloce: qui il protagonista doventa il vocalist e cattivissimo risulta la parte cantata anche su Tomb Of The Incarcereted, mentre Flag Runs Red è un intermezzo di pianoforte che spezza in due il disco prima del trittico finale, dove la band torna a schiacciare sull’acceleratore, ripercorrendo a tutta birra le strade giĂ  battute dal testamento americano.
Un disco riuscito, per quanto derivativo, e dall’ottimo songwriting che piacerĂ  parecchio ai thrash metal fans, i quali troveranno tutte le caratteristiche di un buon album di genere, curatissimo in fase di produzione e mastering, così da risultare un buon prodotto in attesa delle nuove uscite dei mostri sacri.

 

Tracklist:
1. Corruption Kingdom
2. Rage Against Us
3. Hail to Armageddon
4. Beyond the Rapture
5. Tomb of the Incarcerated
6. Flag Runs Red
7. To Arm the Rebels
8. Onset of Plagues
9. And Hell Followed With Him

Line-up:
Kirk Stephens – bass, vocals (backing)
Sam Wheeler – drums
Brad Wosko – guitars, vocals (backing)
Dan Murphy – vocals, guitars

REZINWOLF – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano