Dopo un mini cd nel 2010 debuttano i tedeschi Mountain Throne, band autrice di un sound a metà strada tra il doom classico e lo stoner e l’esordio risulta ben riuscito in virtù di un songwriting vario, dove i due generi, simili ma non certo identici, si incontrano e danno vita ad un lavoro piacevole....

Il ritorno di Dave Ingram, storico ex-cantante di Benediction e Bolt Thrower, non possiede alcun tratto nostalgico ma porta con sé una carica distruttiva difficilmente riscontrabile anche in chi, agli albori della propria carriera, dovrebbe essere naturalmente spinto dall’entusiasmo e dalla voglia di spaccare il mondo, non solo in senso metaforico....

Tutto sommato i brani scorrono lo stesso piuttosto bene, grazie a una serie di brillanti intuizioni disseminate qua e là ma, in previsione di un prossimo full-length, la missione per la band emiliana sarà quella di riuscire a mantenere intatta la propria carica innovativa rendendo più omogenea la struttura delle canzoni....

Il voto è una media aritmetica tra la prima e la seconda metà di Pulsar, con un giudizio però nel complesso tendenzialmente positivo, proprio in considerazione della svolta, per certi versi coraggiosa e, per quanto mi riguarda del tutto condivisibile, che questo album rappresenta per gli Inner Shrine....