Plutonium Baby – Blast Sci – Fi Music For Contemporary Freaks

Plutonium Baby – Blast Sci – Fi Music For Contemporary Freaks

o sempre amato i gruppi che usano la tastiere come strumento su cui fondare i propri pezzi; ho adorato le band garage dei sixties come quelle del revival degli eighties ed i loro suoni grintosi e talvolta psychedelici come ho stravisto per i ritmi ieratici di quelle punk e new wave.

E questi Plutonium Baby di cui sto per parlarvi uniscono questi due tipi di approccio in un disco che ha tre caratteristiche fondamentali per piacermi e piacervi:

1) una bella copertina,
2) un bel titolo,
3) dodici canzoni tutte riuscite con neppure un pezzo che possa essere definito un riempitivo.

L’album parte subito con un terzetto di brani che ben chiarisce quanto la band sia davvero ispirata: My Universe è punk ma pure pop con continui crescendo che ricordano il Jay Reatard più ispirato; No Time mi ha chairito una volta di più che, avendo da poco recensito il nuovo album degli Archie and the Bunkers, di talenti simili ne abbiamo qui da noi e Dexter & Debra Morgan con il suo suono surf futuristico rimanda ai Man or Astro-Man? più occhieggianti ai Devo. What Kind Of Humans Are They?, il mio pezzo preferito dell’intero lotto, somiglia vagamente alle cose più free degli X-Ray Spex ma forse è una mia suggestione. Seguono due pezzi più camp che possono far pensare vagamente ai B 52’s come The Healer e Evil Eye mentre la più lunga e composita Vorticism rammenta le atmosfere angoscianti e malate dei Suicide o dei Cramps.

Come penso d essere riuscito a far intendere in queste poche righe i Plutonium Baby non sono solo bravi ma sono pure vari e iper motivati.

Questo disco è un prodotto che merita di travalicare i nostri angusti patrii confini e di essere ascoltato da quante più persone possibili perché noi italiani, diciamocelo francamente, spesso lo facciamo meglio.

ETICHETTA: Area Pirata Records

TRACKLIST
1) My Universe,
2) No Time,
3) Dexter & Debra Morgan,
4) Twin Freaks,
5) What Kind Of Humans Are They?, 6) Voiceless, 7) Feed My Monsters, 8) The Healer, 9) Lost Shadows, 10) Evil Eye, 11) Vorticism, 12) Highway Hypnosis

LINE-UP
Black Guitarra – Vox Guitarra Synth, Fil Sharp – Vox Synth Guitar, Feith – Drums

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.