iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Phobous – Realm Of Disorder

Phobous – Realm Of Disorder: Phobous è il progetto solista dello statunitense Donald Schieck, che propone un black melodico ed atmos...

Phobous – Realm Of Disorder

Phobous è il progetto solista dello statunitense Donald Schieck, che propone un black melodico ed atmosferico dai risultati contraddittori.

Il sound proposto dal musicista californiano si rivela tutto sommato accettabile finché sono le tastiere a condurre le danze, senza far gridare al miracolo ma facendo risultare almeno gradevoli i brani; i problemi emergono allorché entra in scena una chitarra dai suoni approssimativi che, se non fa neppure troppi danni nella fase iniziale del lavoro, si rivela addirittura grottesca in una traccia come Slaughter Through Seduction, un vero e proprio pasticcio che sconfina in ritmiche vicine al power metal: qui, davvero, non ci si capacita di come un musicista, fino a quel momento autore di una prova non memorabile ma quanto meno dignitosa, non si renda conto di quanto sia inaccettabile proporre nel 2016 soluzioni così raffazzonate.
Francamente, un episodio di tale fattura comprometterebbe anche lavori di livello ben superiore e, nel contesto, appare quasi come una pernacchia al termine di una solenne orazione funebre.
Realm Of Disorder avrebbe faticato comunque a raggiungere la sufficienza, a causa di diverse imperfezioni che qualche discreto spunto (Purest Light, Blackest Shadow) non riesce a far passare in secondo piano; il diy portato alle estreme conseguenze, in questo caso non fornisce i frutti sperati e Phobous non può essere oggi un progetto competitivo in un mercato iper saturo.

Tracklist:
01. Realm of Disorder
02. Blood Ties to Bloodshed
03. Purest Light, Blackest Shadow
04. Chains Upon My Aura
05. Vain Sacrifice and Desperate Hope
06. Patriot Storm
07. Slaughter Through Seduction
08. Chosen Bereavement

Line-up:
Donald Schieck: vocals, guitar, bass, keyboard, drum programming

PHOBOUS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.