Petrina – Petrina

Petrina – Petrina

Debora Petrina, musicista e compositrice assolutamente degna di nota (basti pensare che è l'unica cantautrice italiana scelta da David Byrne per le sue radio playlist), ritorna, dopo “In Doma”, album di debutto pubblicato nel 2009, con gli undici brani (dieci inediti e una versione orchestrale) di Petrina.

Apre il disco il pianoforte nervoso (su cui si innestano ritmiche drum’n’bass) di Little Fish From The Sky, seguito dalle nebulose sonore di The Invisibile Circus e dalle note di basso, pianoforte e chitarra dell’ossessiva Princess (ospite del brano è David Byrne). Niente Dei Ricci, delicata e angosciante allo stesso tempo (colpa soprattutto dei ritornelli neri e aggressivi), introduce la crescente volontà di mordere della sfrecciante Sky-Stripes In August, mentre il ritmato e vivace muoversi di Denti lascia spazio alla waitsiana I Fuochi D’Artificio. Vita Da Cani, infine, tra delicatezza e un finale lievemente più sprintoso, fa da apripista al festante e deciso ribollire di Dog In Space, al morbido scorrere (tra pianoforte ed elettronica) di Lina e alla raffinata versione orchestrale di Sky-Stripes In August.

L’eclettica musicista veneta ritorna con un disco decisamente curato e colto che, però, a conti fatti, non riesce ad avere il mordente necessario per conquistare o attirare l’attenzione. La causa di ciò è da ritrovarsi nel fatto che gli undici brani proposti non sono in grado di mostrare altro se non le sole doti tecniche di Petrina. Niente emozioni o contenuti.
Probabilmente gli amanti di jazz e di evoluzioni sonore troveranno di che appassionarsi, ma, per il resto degli ascoltatori, il nostro consiglio è quello di passare avanti.

Tracklist:
01. Little Fish From The Sky
02. The Invisible Circus
03. Princess
04. Niente Dei Ricci
05. Sky-Stripes In August
06. Denti
07. I Fuochi D’Artificio
08. Vita Da Cani
09. Dog In Space
10. Lina
11. Sky-Stripes In August (Orchestral Version)

Line-up:
Debora Petrina
Mirko Di Cataldo
Carlo Carcano
Piero Bittolo Bon
Nicola Manzan
Giancarlo Trimboli
Amy Kohn
Gianni Bertoncini
Niccolò Romanin
Alessandro Fedrigo

PETRINA – pagina facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo