dal 1999

Recensione : Paus – Clarao

Una interessante band da seguire e ascoltare

Paus – Clarao

I portoghesi Paus, supergruppo composto da Helio Morais, Fabio Jevelim, Joaquim Albergaria e Makoto Yagyu, approdano in Italia ed Europa con Clarao (loro disco di debutto, già pubblicato in madrepatria nel 2011) grazie alla spagnola El Segell Del Primavera (etichetta discografica strettamente legata al Primavera Sound Festival). Il disco, fortemente incentrato sulla componente ritmica (le batterie in gioco sono due), si compone di dieci brani facilmente inquadrabili nella categoria math rock “stile Battles”.

L’ipnotica melodia di Corta Vazas, accompagnata da cerebrali intrecci ritmici, incalza con l’inserirsi di tastiere e con il procedere corposo di basso, aprendo al vibrafono di Pontimola (quasi destinato a scomparire tra urla ed elettronica spigolosa) e al teso coinvolgere dell’avvolgente ed energica Bandeira Branca.
Il ribollire di No, accompagnato dalla leggerezza delle tastiere e dalla violenza di basso e chitarra, si scioglie nelle atmosfere stellari della più pacata e delicata Ambiente De Trabalho, mentre Primeira, lasciando senza fiato e affascinando completamente con il suo spirito denso di mistero, lascia che a proseguire siano la freschezza stralunata di Cume e quel rompicapo sonoro che è Cauda Turca.
Negro, infine, scura e aggressiva, graffia l’aria con la forza della doppia batteria, cedendo all’intricata Clarao il compito di chiudere.

Con questo debutto i Paus, sorta di Battles minori, si rivelano una interessante band da seguire e ascoltare. I dieci brani presentati, infatti, pur dando l’impressione di essere figli di altro, si rivelano personali e convincenti, lasciandosi ascoltare e riascoltare. Manca quel pizzico di follia geniale che possa rendere il tutto memorabile, ma poco importa, la tecnica e le idee mostrate fanno sì che questo disco sia comunque difficile da non notare.

Tracklist:
01. Corta Vazas
02. Pontimola
03. Bandeira Branca
04. No
05. Ambiente De Trabalho
06. Primeira
07. Cume
08. Cauda Turca
09. Negro
10. Clarao

Line-up:
Helio Morais
Fabio Jevelim
Joaquim Albergaria
Makoto Yagyu

PAUS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Martin Eden di Jack London

Martin Eden Jack London

Martin Eden scritto da Jack London: un giovane marinaio di origini umili si innamora di una ragazza della borghesia. Per conquistarla, si impegna a diventare uno scrittore, ma il successo gli porterà solo disillusione e dolore.

Deth Kaktus – Prick

I Deth Kaktus sono un gruppo originale, potente e molto molto divertente con canzoni di qualità ben al di sopra della media, per un’apocalisse divertente e rumorosa, senza tassi di interesse.

S.G.A.T.V. – S.G.A.T.V.

Nelle sonorità dei SGATV si può riconoscere e distinguere anche la geometria fredda e imperscrutabile di tanta NDW (la Svizzera è stato il paese dei grandissimi Grauzone che, ad ogni buon conto, gli SGATV hanno ascoltato e fatto tesoro)

Kathleen Hanna, in arrivo un memoir

L’iconica attivista femminista Kathleen Hanna darà alle stampe una autobiografia, prevista per il maggio 2024 e intitolata “Rebel Girl: My Life as a Feminist Punk“, che sarà edita da HarperCollins (qui il link per il pre-order). Il memoir tratterà le vicissitudini e il percorso, musicale