iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Other Eyes Wise – Zer(o)

Zer(o) è un’ottima occasione per ascoltare del metal moderno, grintoso ed estraneo a qualsiasi tentazione “mainstream”.

Other Eyes Wise – Zer(o)

I londinesi Other Eyes Wise, freschi di accordo con la WormHoleDeath, pubblicano questo loro album d’esordio intolato Zer(o), uno stimolate concentrato di stili ed influenze capace di rendere piuttosto accattivante la proposta del trio.

Non è semplicissimo descrivere in una sola parola il genere proposto dalla band inglese, ma sicuramente siamo di fronte ad un metal dalle sembianze “alternative”, caratterizzato da violente sfuriate alternate a passaggi melodici: una descrizione che potrebbe far pensare subito ad una dozzinale band metalcore: niente di più sbagliato, perchè, in realtà, il connubio di tali estremi produce sensazioni ben lontane da quelle di un copia-incolla dai fini biecamente commerciali.
Ciò che si percepisce, infatti, è quell’urgenza espressiva che è in grado di fare la differenza rispetto a prodotti plastificati, magari più raffinati e perfettini rispetto a questo, ma trascurabili già dopo pochi ascolti.
Zer(o) non stravolge né regole né consuetudini e, almeno ascoltando Almost Asleep, il primo vero brano dopo la title-track che funge da intro, gli Other Eyes Wise paiono aver fatto propria la lezione di quei pochi in grado di sopravvivere anche successivamente al boom del nu metal, facendo la differenza nelle parti melodiche che, per fortuna, sfuggono alla melensaggine tipica di gran parte dell’odierno metalcore, abbinando a clean vocals sufficientemente evocative parti contraddistinte da un deatchcore fatto di grande sostanza e buona tecnica strumentale.
Una produzione ottimale ma non troppo “leccata” fa il resto, consentendo agli Other Eyes Wise di esprimere compiutamente le loro potenzialità, regalando così agli appassionati del genere un disco davvero riuscito, nel quale la già citata Almost Asleep, You’re Wrong, You’re Right, la cangiante Paths e Climb Above, leggermente più ammiccante (e scelta forse non a caso per girare un video) ma in grado di recuperare ampiamente in termini di cattiveria nel finale, sono gli episodi più coinvolgenti in un contesto complessivo comunque oltremodo soddisfacente.
Zer(o) è un’ottima occasione per ascoltare del metal moderno, grintoso ed estraneo a particolari tentazioni “mainstream”.

Tracklist:
1. Zer(0)
2. Almost Asleep
3. Climb Above
4. Decade of Struggle
5. You’re Wrong, You’re Right
6. Vague Monster
7. Awkward Eclipse
8. Paths
9. Beyond Belief
10. Notes of Joy

Line-up :
Coop – Guitars, Bass
Jo – Vocals, Guitars
Sy – Drums

OTHER EYES WISE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.

Shamael – Il Suono di Mille Orchestre Parte II

Galasso con quest’opera a nome Shamael conferma di aver scelto nuovamente la strada più difficile per giungere all’attenzione degli appassionati e fa bene, sia per i risultati raggiunti sia perché un ipotetico successo commerciale sarebbe irraggiungibile in questo segmento stilistico, anche offrendo sonorità più edulcorate; l’esito de Il Suono di Mille Orchestre è gratificante e per certi versi anche più peculiare, rivelandosi la maniera ideale per il musicista pugliese di veicolare il suo profondo sentire.