iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Osoka – Osoka

Sludge-doom caliginoso e intenso come da copione.

Osoka – Osoka

Di questi Osoka si sa francamente poco o nulla, salvo che provengono dalla Russia e che sono autori di uno sludge-doom-postmetal caliginoso e intenso come da copione.

La scarna biografia in mio possesso li colloca sulla scia di act più affermati quali Jesu, Khanate, Nadja e Halo e, sicuramente, sono rinvenibili tali affinità anche se la sensazione di fondo è che gli Osoka siano più sbilanciati verso il versante sludge e molto meno su quello drone o industrial.
Questo aspetto, non posso negarlo, me li rende sicuramente più appetibili e l’oretta scarsa di questo secondo disco autointitolato si rivela un’esperienza piacevole sia pure tutt’altro che di facile lettura.
Per nulla disposti a fare prigionieri, i ragazzi russi si presentano con una doppietta iniziale che non lascia alcun dubbio sulle loro intenzioni; venti minuti complessivi capaci di annientare qualsiasi resistenza psico-fisica, in particolare 13000 si rivela una bordata impressionate, resa ancora più ostica dalla litania vocale che si protrae per tutta la sua durata.
Ripetitivi e forse un po’ derivativi ? Vero, ma gruppi come gli Osoka, che hanno alle spalle uno substrato musicale ben diverso rispetto a quello delle band occidentali, hanno dalla loro quella marcia in più derivante dall’urgenza espressiva che si trova agli antipodi rispetto al manierismo nel quale cade, spesso, chi ha già vissuto i momenti migliori della propria carriera.
In Otec e in Mantra fa capolino qualche accenno di apertura melodica, ma nel complesso l’intero lavoro si regge su un’atmosfera straniante, accentuata dall’uso ricorrente di una voce salmodiante che è un’originale alternativa al più consueto impiego dello screaming o di altre soluzioni dall’impatto disturbante più immediato.
A conti fatti non si può che essere soddisfatti della proposta degli Osoka e non resta, quindi, da augurarsi che questo loro album sia solo una tappa di un percorso musicale dalle interessanti prospettive.

Tracklist:
1. Illjuzija Mertva
2. 13000
3. Klassiki
4. Otec
5. Osvobozhdenie
6. Mantra
7. Reka

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.