Osoka – Osoka

Osoka - Osoka 1 - fanzine

Osoka – Osoka

Condividi:
Share

Di questi Osoka si sa francamente poco o nulla, salvo che provengono dalla Russia e che sono autori di uno sludge-doom-postmetal caliginoso e intenso come da copione.

La scarna biografia in mio possesso li colloca sulla scia di act più affermati quali Jesu, Khanate, Nadja e Halo e, sicuramente, sono rinvenibili tali affinità anche se la sensazione di fondo è che gli Osoka siano più sbilanciati verso il versante sludge e molto meno su quello drone o industrial.
Questo aspetto, non posso negarlo, me li rende sicuramente più appetibili e l’oretta scarsa di questo secondo disco autointitolato si rivela un’esperienza piacevole sia pure tutt’altro che di facile lettura.
Per nulla disposti a fare prigionieri, i ragazzi russi si presentano con una doppietta iniziale che non lascia alcun dubbio sulle loro intenzioni; venti minuti complessivi capaci di annientare qualsiasi resistenza psico-fisica, in particolare 13000 si rivela una bordata impressionate, resa ancora più ostica dalla litania vocale che si protrae per tutta la sua durata.
Ripetitivi e forse un po’ derivativi ? Vero, ma gruppi come gli Osoka, che hanno alle spalle uno substrato musicale ben diverso rispetto a quello delle band occidentali, hanno dalla loro quella marcia in più derivante dall’urgenza espressiva che si trova agli antipodi rispetto al manierismo nel quale cade, spesso, chi ha già vissuto i momenti migliori della propria carriera.
In Otec e in Mantra fa capolino qualche accenno di apertura melodica, ma nel complesso l’intero lavoro si regge su un’atmosfera straniante, accentuata dall’uso ricorrente di una voce salmodiante che è un’originale alternativa al più consueto impiego dello screaming o di altre soluzioni dall’impatto disturbante più immediato.
A conti fatti non si può che essere soddisfatti della proposta degli Osoka e non resta, quindi, da augurarsi che questo loro album sia solo una tappa di un percorso musicale dalle interessanti prospettive.

Tracklist:
1. Illjuzija Mertva
2. 13000
3. Klassiki
4. Otec
5. Osvobozhdenie
6. Mantra
7. Reka

Condividi:
Share
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.