Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36
Open Zoe – Pareti Nude - recensione

Open Zoe – Pareti Nude


Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Open Zoe – Pareti Nude

Dionisia Lo Cascio, Lele Mancuso, Ettore Craca ed Enrico Cerrato, dopo aver condiviso varie esperienze musicali nel corso degli anni (Etabeta e Aulasei), debuttano sotto il nome Open Zoe con gli undici brani di Pareti Nude. Il disco, giocato su sonorità post punk/new wave/pop, corre veloce grazie alle melodie sempre accattivanti.

Le chitarre della grezza e ruvida Corde, scaldando con il loro denso calore elettrico, riprendono, in parte, la scurezza dell’alternative rock italiano di fine anni ’90, aprendo al correre ritmico della delicata e accattivante Cara (ottimi i ritornelli) e alla freschezza della coinvolgente e vivace Popcorn (nonostante i testi per niente allegri).
Il più tortuoso e cupo evolvere di Fuori, abbandonandosi ad incertezze e domande prive di risposta, corre sulle note di basso, inarcando la schiena nel finale, mentre i loop testuali/melodici di Colori, piantandosi in testa come, a suo tempo, facevano i pezzi dei Prozac+, introduce il ribollire di batteria (rigato e ampliato dalle chitarre) di Ognivolta.
Il galleggiare morbido e leggermente sognante di Caos, invece, lascia spazio all’incalzare deciso ed esplosivo di Ottobre e all’accompagnare avvolgente di Lucilla.
Universale, infine, incombendo con le sue chitarre e trascinando con il suo alternarsi di vuoti e pieni, chiude il disco insieme al reprise ossessivo di Colori (Al Quadro).

Gli Open Zoe, forti delle loro passate esperienze, si rivelano una band matura e dalle idee ben chiare. Il pop/post punk/wave proposto in questi undici brani, trovando nel sound pop/rock di fine anni ’90 la base da cui partire, riesce a ritagliarsi una propria personalità e, tramite testi curati e ottime melodie, a farsi ricordare con facilità. Un debutto più che riuscito, una band molto interessante.

Tracklist:
01. Corde
02. Cara
03. Popcorn
04. Fuori
05. Colori
06. Ognivolta
07. Caos
08. Ottobre
09. Lucilla
10. Universale
11. Colori (Al Quadro)

Line-up:
Dionisia Lo Cascio
Lele Mancuso
Ettore Craca
Enrico Cerrato

OPEN ZOE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati