Omosumo – Surfin’ Gaza

Omosumo – Surfin’ Gaza

I siciliani Omosumo (Angelo Sicurella, Antonio Di Martino, Roberto Cammarata), dopo aver dato alle stampe due ep (“Ci Proveremo A Non Farci Male” e “Remixes”), ritornano per Malintenti Dischi con Surfin’ Gaza, album incentrato sul tema del surf come punto di contatto fra palestinesi e israeliani nel devastato territorio della striscia di Gaza (sul tema si guardi il documentario “God Went Surfing With The Devil” del regista Alexander Klein). I nove brani presentati, mescolando indie rock, indie pop ed elettronica (oltre a italiano, inglese e arabo), danno vita a paesaggi caldi e pieni di particolari.

L’iniziale Yuk, mescolando italiano e arabo, sprofonda sotto morbidi strati di synth e chitarre, brillando come quando il sole si riflette sul mare, mentre le leggere influenze sixties di Walking On Stars (scaldate da organo e chitarre) si contrappongono allo spirito freddo e cerebrale dell’elettronica Waves. In quarta posizione, Nowhere galleggia su un sottile e fragile velo di emotività, aprendo alle atmosfere tese della fulminante Surfin’ Gaza (il tema è, in maniera esplicita, l’abbandono delle armi e della guerra) e all’allucinato proseguire di Dovunque Altrove (spaccato in due dall’entrata in gioco del sax). Il più spensierato e leggero procedere di Nancy, infine, lasciandosi alle spalle le preoccupazioni, cerca di guardare al futuro e alla speranza, introducendo le calde influenze orientaleggianti di Ahimana (il testo è in arabo, il finale in crescita esplosiva) e il pesante chiudersi della graffiante e granitica Atlantico (chitarre grasse, batteria agguerrita, synth e sax sudati).

Il disco degli Omosumo, corposo per quanto riguarda melodie, arrangiamenti e tematiche affrontate, si rivela fin da subito intrigante e coinvolgente. I nove brani proposti, dando vita a un sound che mescola insieme calore sixties, freddezza elettronica e lievi influenze orientaleggianti, entrano in testa fin dal primo ascolto, incuriosendo e affascinando. Un lavoro curato sotto ogni punto di vista.

Tracklist:
01. Yuk
02. Walking On Stars
03. Waves
04. Nowhere
05. Surfin’ Gaza
06. Dovunque Altrove
07. Nancy
08. Ahimana
09. Atlantico

Line-up:
Angelo Sicurella
Antonio Di Martino
Roberto Cammarata

OMOSUMO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.