Nu Bohemien – La Nostra Piccola Guerra Quotidiana

Nu Bohemien – La Nostra Piccola Guerra Quotidiana

I Nu Bohemien, band veneta composta da Diego Franchini, Marcello Segrini, Thomas Salandin e Francesco Siccheri, ritornano, dopo l’ottimo debutto del 2012 (“La Consuetudine Del Sentito Dire”) con La Nostra Piccola Guerra Quotidiana. Il nuovo lavoro, pubblicato da Woodworm Label e composto da undici brani, si concentra su ammiccanti sonorità pop/new wave/post punk in grado di emozionare e trasportare.

Il sound accattivante ma allo stesso tempo leggermente sbilenco di Tua Sorella, apre il disco parlando di libertà di scelta e aborto, mentre il trascinare di synth, batteria e chitarre de La Rivoluzione, giocato su atmosfere scure e vagamente cariche di rabbia, cede il testimone ai caldi ritornelli della sensuale Buongiorno Principessa.
Il delicato sapore di Augurami Buona Fortuna, fatto di lieve introversione e momenti più speranzosi (interessante la scelta di inserire l’armonica nel finale), introduce i due volti di Quello Che Conta Di Te (uno morbido, l’altro determinato e incalzante), lasciando che a seguire siano il chiudersi-aprirsi di Vodka E Pop Corn e la più che trascinante e coinvolgente Tutto Quello Che Hai.
Il sound velato de La Provincia (Parte II), invece, guidato da basso, batteria e chitarre, si scioglie nello spigliato procedere de La Nostra Piccola Guerra Quotidiana.
L’amarezza di Un Altro Giorno Di Merda, infine, apre al più vivo gridare della intensa e coinvolgente Alexander (come ospiti compaiono Marco Di Nardo e Luca Romagnoli del Management Del Dolore Post Operatorio).

Con questo secondo lavoro i Nu Bohemien mettono a segno un altro buon colpo. Gli undici brani presentati, tutti decisamente accattivanti e coinvolgenti (il mix di pop, new wave e indie rock funziona in ogni occasione), lasciano giusto qualche lieve dubbio quando si parla dei testi (ma è veramente un dettaglio di poca importanza). I quattro musicisti ritornano nel migliore dei modi, regalandoci un album compatto, coerente e molto piacevole da ascoltare.

TRACKLIST
01. Tua Sorella
02. La Rivoluzione
03. Buongiorno Principessa
04. Augurami Buona Fortuna
05. Quello Che Conta Di Te
06. Vodka E Pop Corn
07. Tutto Quello Che Hai
08. La Provincia (Parte II)
09. La Nostra Piccola Guerra Quotidiana
10. Un Altro Giorno Di Merda
11. Alexander

LINE-UP
Diego Franchini
Marcello Segrini
Thomas Salandin
Francesco Sicchieri

NU BOHEMIEN – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati