Nex – Totalitarian Leader

Nex – Totalitarian Leader

Un assaggio di quello che sarà il sound di questa giovane band polacca al suo primo lavoro, risulta questo Totalitarian Leader, un ep di tre brani della durata di poco più di dieci minuti.
Death metal aggressivo e brutale, con qualche spunto prog, tanto blast beat ed un’anima oscura tipica delle band dell’est.

Il gruppo di Szczecin nasce appena due anni fa e può già vantare esperienze live con Trauma e Obituary, ancor prima di aver dato alle stampe il suo lavoro d’esordio composto da tracce quali Nex, dall’intro atmosferico apocalittico, tremendamente veloce e dalle ottime trame chitarristiche.
Trame che continuano a ben impressionare anche sui restanti brani: Ten Tables of Faith e Slaves in the Name of Law, devastanti esempi di come, tra ritmiche moderne, un’anima nera ed oscura, digressioni industrial e ottime soluzioni tecniche, i Nex abbiano già chiara, in mente la loro strada verso il trono oscuro del metal estremo underground.
Un buon compromesso tra il death metal bay area style( Obituary) ed black/death europeo, suonato con un ottimo impatto, e sagacia esecutiva, sono le prime impressioni che suscita il sound dei Nex, che al secolo sono: Peter al basso, Mlody alle pelli, Broda alla chitarra e Sova che si divide tra la sei corde e microfono.
Dieci minuti sono un po pochini per dare un giudizio definitivo, ma Totalitarian Leader fa ben sperare per il proseguo della carriera artistica di questo giovane combo, supportateli.

Track List:

1. Nex

2. Ten Tables of Faith

3. Slaves in the Name of Law

Line-up:

Peter Bass
Mlody Drums
Broda Guitars
Sova Vocals, Guitars

NEX – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.