Nelcaso – But Not In Silence

Nelcaso – But Not In Silence

Buona esecuzione stilistica, ma nel complesso disco poco emozionante.

But Not In Silence è un disco gradevole, ben suonato, ma che purtroppo non coinvolge la sfera sentimentale in modo dirompente, da lasciare il segno.

Incontro tra folk e emo, dovrebbe rapirti, farti suscitare forti emozioni, tristi o felici che siano, farti piangere, battere il cuore, farti sentire vivo. Invece risulta solo troppo anonimo.
La voce di Giacomo Morigi è molto spesso sommessa, senza però avere calore e intensità; non riesce a raggiungere l’estensione vocale in grado di dare quel picco di emozione, soprattutto nei momenti musicali più esplosivi, e alla fine risulta un limite.
Piacevolissima invece la tromba di Gaio Biondi, specialmente quando duetta col basso di Rocco Monti, mentre un po’ troppo semplici i giri di chitarra.
Nei tuffi non basta una buona esecuzione per prendere un punteggio alto. Risulta altrettanto determinante la difficoltà dell’evoluzione. Quando si sale in pedana bisogna provare a fare qualcosa di più, se si ambisce a salire sul podio.

TRACKLIST
01 – Grace
02 – J.J.
03 – Home
04 – Blue Balloons
05 – No Ghost
06 – Thin Wall
07 – Long TimeTraveller

LINE-UP
Giacomo Morigi: voce, chitarra, banjo
Gaio Biondi: tromba, flicorno, chitarra elettrica
Rocco Monti: basso, percussioni

NELCASO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?