Nebula VII – Dawn Of A New Era

Space ambient di buona fattura dalla Russia

Nebula VII - Dawn Of A New Era 1 - fanzine

Nebula VII è il progetto ambient di VII, misterioso musicista russo che ha già al suo attivo una lunga serie di uscite discografiche.

Parlare di musica ambient tout-court, come è quella proposta in questo Dawn Of A New Era, si rivela come sempre operazione complessa, in quanto qui non c’è molto spazio per divagare in descrizioni minuziose di questo o quel brano; fondamentalmente il genere in questione può risultare sicuramente piacevole oppure mortalmente noioso, e comunque tutto dipende dalle capacità compositive di chi lo propone e dalla sensibilità di chi lo ascolta.
Nel caso specifico i trequarti d’ora abbondanti di musica contenuta nell’album sarebbero l’ideale accompagnamento per installazioni visive incentrate su immagini del cosmo, per cui la definizione di space ambient calza decisamente a pennello.
Chi conosce una pietra miliare della musica ambient come “Apollo”, magnifica opera rilasciata oltre trent’anni fa dal maestro Eno su commissione della NASA, si sarà già fatto più o meno un’idea di ciò che troverà all’interno di Dawn Of A New Era, in caso contrario ne consiglio vivamente un ascolto all’aperto, durante una notte stellata: un suggerimento magari scontato, ma che potrebbe rivelarsi decisivo per godere appieno di un lavoro senz’altro pregevole e che, per sua natura, non è certo fatto per colpire in maniera immediata e soprattutto “fisica” l’ascoltatore.

Tracklist:
1.Intro
2.Terminal Intensity. Part 1
3.Code Of Life
4.Terminal Intensity. Part 2
5.Outro
6.Echo Of Space Storms [Drone Version]

NEBULA VII – Facebook

Avatar

Autore: Stefano Cavanna

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.