iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Nebula Vii – Dawn Of A New Era

Space ambient di buona fattura dalla Russia

Nebula Vii – Dawn Of A New Era

Nebula VII è il progetto ambient di VII, misterioso musicista russo che ha già al suo attivo una lunga serie di uscite discografiche.

Parlare di musica ambient tout-court, come è quella proposta in questo Dawn Of A New Era, si rivela come sempre operazione complessa, in quanto qui non c’è molto spazio per divagare in descrizioni minuziose di questo o quel brano; fondamentalmente il genere in questione può risultare sicuramente piacevole oppure mortalmente noioso, e comunque tutto dipende dalle capacità compositive di chi lo propone e dalla sensibilità di chi lo ascolta.
Nel caso specifico i trequarti d’ora abbondanti di musica contenuta nell’album sarebbero l’ideale accompagnamento per installazioni visive incentrate su immagini del cosmo, per cui la definizione di space ambient calza decisamente a pennello.
Chi conosce una pietra miliare della musica ambient come “Apollo”, magnifica opera rilasciata oltre trent’anni fa dal maestro Eno su commissione della NASA, si sarà già fatto più o meno un’idea di ciò che troverà all’interno di Dawn Of A New Era, in caso contrario ne consiglio vivamente un ascolto all’aperto, durante una notte stellata: un suggerimento magari scontato, ma che potrebbe rivelarsi decisivo per godere appieno di un lavoro senz’altro pregevole e che, per sua natura, non è certo fatto per colpire in maniera immediata e soprattutto “fisica” l’ascoltatore.

Tracklist:
1.Intro
2.Terminal Intensity. Part 1
3.Code Of Life
4.Terminal Intensity. Part 2
5.Outro
6.Echo Of Space Storms [Drone Version]

NEBULA VII – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.