iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mist – Inan’

Bella sorpresa e ottima band: "Inan'" è solo un assaggio di ciò che di buono ed importante i Mist potrebbero riservarci in futuro.

Mist – Inan’

L’occult doom con voce femminile si è imposto all’attenzione negli ultimi anni grazie a grandi band quali Jex Thoth, Blood Ceremony e The Wounded Kings e il notevole interesse che si è venuto a creare attorno a questo particolare sottogenere ha fatto sì che i nomi in questioni cominciassero a fare proseliti.

Tra questi vanno segnalati sicuramente i Mist, act sloveno per 4/5 al femminile, che con l’Ep Inan’ dà un seguito al demo d’esordio del 2013 mostrando eccellenti potenzialità.
Come d’abitudine, in questi casi il proscenio se lo accaparra la frontwoman Nina Spruk, dotata rispetto alle varie Jex o Sharie Neyland di una tonalità meno “stregonesco-sacerdotale” ma, nel contempo, con una maggiore propensione alle tonalità alte e più estese; l’impatto complessivo non è affatto da meno e questi quattro brani sono davvero convincenti pur nel loro breve sviluppo, trovando il loro picco evocativo nella notevole Frozen Velvet, che si dimostra anche la traccia più composita del lotto.
Pregevole il lavoro del “nostro beato fra le donne”, il chitarrista Blaž Tanšek che, senza lasciarsi andare a voli pindarici, esibisce assoli ficcanti e di ottimo gusto.
Bella sorpresa e ottima band: Inan’ è solo un assaggio di ciò che di buono ed importante i Mist potrebbero riservarci in futuro.

Tracklist:
1. Inan’
2. Frozen Velvet
3. Under the Night Sky
4. Phobia

Line-up:
Nina Spruk – lead vocals
Ema Babošek – rhythm guitar & backing vocals
Blaž Tanšek – lead guitar
Neža Pečan – bass
Mihaela Žitko – drums

MIST – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.