Miss Mog – Federer

Miss Mog – Federer

I veneti Miss Mog, trio synth pop stabilmente in attività da almeno tre anni, debuttano per Dischi Soviet Studio con Federer. Il lavoro, citando il tennista non per la sua figura positiva, ma per la sua imbattibilità che tutti hanno creduto o sognato di far crollare, si compone di undici accattivanti gemme pop.

Il leggero schiudersi di Un Pomeriggio, ricordando nel suono il primo Alessandro Fiori, entra in testa fin dal primo istante con il suo intrecciarsi di tastiere e synth, mentre il leggero incalzare di Venety Fair, vagamente cupo nel suo procedere, aggiorna il “produci, consuma, crepa” dei CCCP al nuovo millennio e al Veneto.
Il sound più ostico di Pangea, evolvendo lentamente fino a trovare una propria linearità, introduce il pessimismo dilagante della delicata e malinconica Faust, lasciando che a seguire sia il piglio ammiccante di Federer (le parole si concentrano sull’ambizione di provare ad affrontare sfide impossibili).
Panchine Divelte, mettendo in dubbio il potenziale rivoluzionario dell’uomo moderno, va a braccetto con la critica di Complesso B nei confronti della decadenza culturale degli italiani.
L’incedere dritto e preciso de L’Alibi, invece, guidato da morbidi synth, prova a guadagnarsi il titolo di sequel ideal di Lullaby dei Cure, cedendo il passo al disteso accettare che la vita è imprevedibile (e che questa è l’unica certezza che abbiamo).
L’animo tecnologico e vagamente alieno di Razorology, in conclusione, guidato da un cantato alla Tiziano Ferro degli esordi (in cui si parla sulla necessità o meno di una rasatura perfetta), consegna a Sulle Punte e al suo espandersi/distendersi (soprattutto nella seconda parte), il compito di chiudere l’opera.

Con questo debutto i Miss Mog danno alle stampe undici brani che, pur suonando pop, non si vendono mai completamente al ritornello facile. Il trio veneto, infatti, prova (con successo) a combinare la carta dell’essere facilmente accessibili con il trasmettere contenuti, idee e riflessioni. Un disco intelligente per una band che, fin da subito, appare matura e interessante.

TRACKLIST
01. Un Pomeriggio
02. Venety Fair
03. Pangea
04. Faust
05. Federer
06. Panchine Divelte
07. Complesso B
08. L’Alibi
09. Meteoritmo
10. Razorology
11. Sulle Punte

MISS MOG – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati