iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Miserable Failure – Hope

I Miserable Failure condensano la loro furia parossistica in quattro brani di circa un minuto ciascuno che ne valgono almeno dieci per intensità e ferocia esecutiva.

Miserable Failure – Hope

Se la lunghezza di una recensione dovesse basarsi sul minutaggio dei lavori presi in esame, questa sarebbe pressochè finita qui …
E, in effetti, qualcuno potrebbe chiedersi perché valga la pena di sprecare tempo e spazio per soli quattro minuti di musica.
La risposta è semplice: questo è il grindcore, un genere musicale che, piaccia o meno, porta alle estreme conseguenze la velocità d’esecuzione, l’urgenza espressiva e la sintesi compositiva .
I Miserable Failure sono un quartetto francese che si accoda al considerevole numero di discepoli dei seminali Napalm Death (dell’epoca “Scum” per intenderci, non quelli pur magnifici dei giorni nostri); i transalpini condensano la loro furia parossistica in quattro brani, di circa un minuto ciascuno, che ne valgono almeno dieci per intensità e ferocia esecutiva, riportando alla mente non solo i padri nobili del genere ma anche act più vicini al death come i Brutal Truth degli esordi.
Sulla scia di band più attuali, come gli Agoraphobic Noisebleed, rispetto ai quali, paradossalmente , appaiono ancor più diretti e meno strutturati, i Miserabile Failure con Hope fanno intravvedere le loro indubbie potenzialità : chiaramente un full-length potrà risultare ben più esaustivo riguardo alle loro effettive capacità.
Per ora godiamoci questa manciata di minuti di intenso piacere …

Tracklist:
1.The blueprints of self-disgust
2.One more reason to set this world on fire
3.Goodbye and good riddance
4.This world ain’t mine

Line-up :
Bleu – vocals
Rom “Maldito” Sanchez – guitars & vocals
Mélanie Sugin – bass
Elvis Jagger Abdul Jabbar – drums

MISERABLE FAILURE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.