Midnight Faces – Fornication

Midnight Faces – Fornication

Lo sfondo è quello del pop rock e dell’indie rock, in cui musiche e melodie gradevoli, accattivanti, si mescolano ad un cantato soave e leggero.
Già la title track Fornication ne è un chiaro esempio con cori in sottofondo a fare eco alla voce sognante di Stancil.
Holding On e Kingdom Come si distinguono per le sonorità disco anni ’80 mentre Now I’m Done suona decisamente Pop.
In Identity la velocità rallenta con un risultato assolutamente piacevole, una pausa di riflessione, avanguardia di Heartless, toccante e profonda, risultato perfetto di quanto ascoltato in precedenza.
Tuttavia, mentre si procede nell’ascolto, si ha la percezione che il disco non incida, non abbia mordente e che suoni un po’ ripetitivo.
Le sensazioni che trasmette sono troppo costanti e alla fine tendono ad appiattirsi.
E’ come se i Midnight Faces non avessero voluto osare, col risultato che Fornication nel complesso appaia un disco commerciale.
Almeno in alcune tracce avrebbero potuto sperimentare i percorsi alternativi che sono solo leggermente accennati.
Le potenzialità ci sono tutte, le capacità anche, sono sicuro che possano fare di più. Ma chi non risica non rosica.

Tracklist :
1. Fornication
2. Crowded Halls
3. Holding On
4. Feel This Way
5. Give In Give Out
6. Kingdome Come
7. Now I’m Done
8. Identity
9. Turn Back
10. Heartless

Line-up :
Philip Stancil
Matthew Warn

MIDNIGHT FACES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.