iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mesh – Kill Your Darlings

Mesh – Kill Your Darlings: La Dependent ha rilasciato il nuovo singolo dei Mesh, band di Bristol dalla storia ultraventennale capa...

Mesh – Kill Your Darlings

La Dependent ha rilasciato il nuovo singolo dei Mesh, band di Bristol dalla storia ultraventennale capace di muoversi sinuosamente all’interno di un synth pop sufficientemente corposo e personale, pur prendendo inevitabilmente le mosse dai connazionali Depeche Mode.

Kill Your Darlings, va detto subito e con chiarezza, è un brano magnifico per stuttura, testi ed elevato tasso di penetrazione nella memoria (difficile scacciare dalla mente un refrain destinato a restarci per molto tempo) e, per di più, è abbinato ad un bellissimo video in bianco e nero ricco di simbolismi.
L’appetito per il full length di prossima uscita viene ulteriormente solleticato dall’altro brano inedito contenuto nel singolo, Paper Thin, che, pur essendo al primo impatto meno accattivante, si rivela a lungo andare di spessore non inferiore, fornendo ampiamente la misura del valore della premiata ditta Hockings – Silverthorn.
Interessante anche la coppia di versioni alternative del singolo qui proposte, in particolare il remix curato dagli Aesthetic Perfection, duo statunitense che accopagnerà in tour i Mesh.
Looking Skyward verrà pubblicato il prossimo 26 agosto e sarà il quarto inciso dalla band sotto l’egida della label tedesca: viste le premesse, è un appuntamento da non mancare per alcun motivo.

Tracklist:
1. Kill Your Darlings (Single Version)
2. Paper Thin
3. Kill Your Darlings (Club Edit)
4. Kill Your Darlings (Aesthetic Perfection Remix)

Line-up:
Mark Hockings – vocals, guitars, programming
Richard Silverthorn – keyboard, proramming

MESH – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.