iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Meneapneontes – Promachos

Primo album per questo duo ateniese dal monicker non proprio agevole da pronunciare, dedito ad una forma di black metal piuttosto interessante.

Meneapneontes – Promachos

Primo album per questo duo ateniese dal monicker non proprio agevole da pronunciare, dedito ad una forma di black metal piuttosto interessante.

Trattandosi di una band greca non sorprende il fatto che i Meneapneontes prendano in più di un caso i Rotting Christ quale punto di riferimento, perlomeno nell’idea di proporre un black di chiara impronta mediterranea, accentuato dall’uso pressoché costante della lingua madre.
La somiglianza con la storica band di Sakis appare in maniera evidente, però, solo a sprazzi, visto che il sound proposto da Vassilis e Takis si arricchisce di sfumature heavy metal e folk che vanno ad integrarsi piacevolmente con temi che attingono alla ricchissima e  millenaria storia ellenica.
Promachos scorre via piuttosto liscio, proprio perché i brani sono forniti nel loro insieme di una pregevole impronta melodica, anche se non posso fare a meno di apprezzare i Meneapneontes proprio quando il loro sound si avvicina di più ai Rotting Christ, in barba a qualsiasi ossessiva ricerca di originalità (Omnymi, Eleley, Raise The Aspis); d’altra parte gli elementi folk tendono, con il loro manifestarsi, a far scemare leggermente la tensione di un lavoro che si mantiene sostanzialmente su un buon livello medio, senza toccare picchi leggendari ma neppure mostrando un volto particolarmente tedioso, il tutto grazie a una certa essenzialità a livello esecutivo e compositivo.
La sensazione è che i due ragazzi greci  possano fare ancora meglio, magari focalizzandosi maggiormente sui lati più efficaci del loro sound; per ora, comunque, la promozione è piena anche se non ancora con lode.

Tracklist:
1. Promachos
2. Molon Lave
3. Sons of the Greeks
4. Talos
5. Eleley
6. Alexandros
7. My Earth My Water
8. Typhoeus
9. Omnymi
10. Raise the Aspis
11. Roupel

Line-up:
Vassilis – Bass, Vocals
Takis – Guitars

MENEAPNEONTES – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.