Manzer – Pictavian Chronicles Volume 1

Manzer – Pictavian Chronicles Volume 1

Nell'antro più buio dell'underground estremo vivono e si nutrono di malvagità i francesi Manzer, fieri portabandiera del black/thrash old shool di scuola Venom et similia.

Nell’antro più buio dell’underground estremo vivono e si nutrono di malvagità i francesi Manzer, fieri portabandiera del black/thrash old shool di scuola Venom et similia.

Il gruppo, nato nel 2008, si distingue per una già nutrita discografia che, oltre a “Light of the Wreckers”, full length del 2013, consta di due ep: “Orgy and Profanity” del 2011 e “Mausén Nàu” del 2013 più una valanga di split e live album.
Pictavian Chronicles Volume 1 è una compilation riguardante i primi lavori del trio demoniaco che vanno dall’esordio “Pictavian Bastards” del 2010 fino allo split con i Sabbat, “Pictavian Demonlaught” del 2013.
Composto da ben ventun brani, l’album è una buona occasione per i fans del genere di conoscere questa devastante band estrema: l’approccio è del più ignorante e rozzo e tra i solchi delle songs spunta un’anima rock’n’roll marcia e violenta, con i padri Motorhead seviziati da questi satanisti d’oltralpe.
La band di Lemmy, oltre ai Venom, sono la maggiore influenza del combo, omaggiati con la devastante cover di Ace Of Spades e agli altrettanto massacranti omaggi a Mercyful Fate (Come To The Sabbath) e Abigail (Attack With Spell).
In chiusura tre brani live per sondare l’uragano sonoro che la band sprigiona negli show, il resto è una valanga di riff veloci e massacranti.
Songs suonate alla velocità della luce e un’attitudine sfrontata da gruppo punk, fanno dei Manzer un trio davvero bestiale, il loro sound si nutre di carni putrefatte e tanto alcool, tra l’urgenza e l’aggressività black’n’roll ed il metal old school, risultando perfetti nel loro estremismo che ad un primo ascolto può sembrare fine a se stesso, ma non lo è.
Una macchina da guerra, disturbante e blasfema, che pompa adrenalina da brani terremotanti come Pictavian Bastards, Scatological Eschatology, Prowler from Hell, The Metal Side, capitoli di una dichiarazione di guerra contro tutto e tutti.
Neanche il tempo di assimilare i brani di questa compilation, che la band ha già immesso sul mercato “Pictavian Invasion in India & Nepal”, raccolta di brani live del tour nei paesi asiatici dello scorso anno, motivo in più per dare un ascolto a questo album e fiondarvi nel mondo live dei Manzer.

Tracklist:
1. Hell Zheimer
2. Pictavian Bastards
3. Scatological Eschatology
4. Tarze a crvàe
5. Acid Queen (Venom)
6. Chétie Jhenope
7. Prowler from Hell
8. Tuour de Draules
9. Fiendish Detestation
10. Analcoholic Rage
11. The Metal Side
12. Demoure enfrnàu
13. Satanatheist
14. Rite of the Beast
15. Jharni
16. Attack with Spell (Abigail)
17. Ace of Spades (Motörhead)
18. Come to the Sabbath (Mercyful Fate)
19. Scatological Eschatology (Live in Rennes)
20. Chétie Jhenope (Live in Rennes)
21. Satanatheist (Live in Rennes)

Line-up:
Fëarann – Bass, Vocals (backing)
Shaxul – Drums, Vocals
Hylde – Guitars

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • MASSIMO ARGO
    Posted at 15:18h, 04 Settembre Rispondi

    viuuuuuuuuuuuuullllllleeeeeeeeeeenzaaaaaaaaaaaaaaa

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.