Madwork – Obsolete

Madwork – Obsolete

Ottimo album dalle sonorità a metà strada tra il nu metal e il dark ottantiano per i piemontesi Madwork.

La Underground Symphony, nota etichetta nostrana da sempre promotrice di band dedite ai suoni classici, stupisce accaparrandosi il gruppo piemontese dei Madwork, entità dark/nu metal e, visti i risultati, si può dire che sia stata una buona scelta.

Il combo, in attività già dai primi anni del nuovo millennio, è al secondo Album dopo il debutto “Overflow” del 2005: otto anni di attesa che, dopo vari assestamenti, hanno portato sul finire del 2013 all’uscita di questo ottimo lavoro.
Il sound del gruppo parte da una base industrial simile, ma molto meno marziale, ai Rammstein, nella quale si inseriscono spunti di metal moderno riconducibile ai primi Disturbed e ad atmosfere dark ottantiane dove a farla da padrone sono sì i Depeche Mode, ma non solo: laddove i brani abbandonano bellissime ma facili melodie per risultare più dure e drammatiche, ecco che il fantasma dei Sisters Of Mercy dell’industrialoide “Vision Thing” (1990) espande la sua ombra sui brani del disco.
Bravo, teatrale e molto vario nel suo cantato il vocalist Jago che, come David Draiman dei Disturbed, interpreta le song svariando da toni aggressivi a melodici con ottima personalità, non tralasciando dove lo si richiede accenni a vocalizzi cari al nu metal.
Otto anni non sono passati invano e la band, ora più che mai consapevole delle proprie qualità, svaria tra questi generi e ci consegna un album nel quale ogni brano ha una sua peculiarità pur mantenendo un unico filo conduttore.
Buoni gli inserti elettronici di Luca “Binko”Bincoletto, così come il lavoro degli strumenti classici, che dove serve picchiano il giusto o eseguono affilati assoli metal di buona fattura.
Così il disco scivola via piacevolmente, senza cadute di tono, tra brani di spessore come Bleeding Out Again, Hide & Seek, Another Beautiful Day e Lullaby, dai richiami ai grandissimi ma poco conosciuti Secret Discovery, la bellissima Redemption e quella Butterfly Blades dal refrain irresistibile, fino ad arrivare alla conclusiva Rain dove, come ospite, appare nientemeno che Kevin Moore, ex Dream Theather e dietro ai tasti d’avorio nel capolavoro “Images and Words”.
Piacerà a molti quest’album, scritto e suonato da una band che merita la giusta attenzione e ruffiano il giusto senza dimenticare che ci si muove sempre in un contesto metal: consigliato quindi ai dark fan così come a chi è legato a sonorità più moderne.

Tracklist:
1.Obsolete
2.Bleeding out again
3.Traum
4.Hide & seek
5.Another beautiful lie
6.Redemption
7.The lucky end
8.His master’s voice
9.Beautiful blades
10.Election day
11.Lullaby
12.Sold out paradise
13.Rain

Line-up:
Beppe”Jago”Careddu – Vocals
Luca”Blinko”Bincoletto – Keyboards,samples,loop
Fabio”Spike”Nora – Drums
Mirco”Trigger”Maggiora – Bass
Christian”Red oni”Rosso – Guitars

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Jago
    Posted at 07:58h, 09 Marzo Rispondi

    Grazie per la splendida recensione!!!
    Jago – Madwork

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.