iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Live Footage – Moods Of The Desert

I Live Footage sono qui per farci provare autentiche vertigini, come un giro in elicottero sul deserto.

Live Footage – Moods Of The Desert

I dischi post rock sono fatti per far provare qualcosa e ampia è la gamma di emozioni che possiamo trovare nel disco del duo Live Footage, composto da Mike che suona batteria e tastiere contemporaneamente e da Topu che si occupa degli effetti e del violoncello.

La loro musica è molto evocativa, ariosa e cinematografica. Non a caso questi ragazzi hanno musicato molti video e documentari sia commerciali che non. Il loro concetto di musica è strettamente legato allo suscitare emozioni nell’ascoltatore, dando gli spunti per trarre qualcosa di personale da una visione anch’essa strettamente soggettiva. Qui non troverete velocità, affanno o pose, ma solo la musicalità del silenzio, della notte e dell’animo che si risolleva dopo tante peripezie. Pur essendo nati a Brooklyn, e si sono formati nel 2007, i Live Footage hanno degli spazi infiniti nella loro musica, ed insieme a questi spazi hanno anche l’infinitamente piccolo, ovvero il nostro cuore, e il nostro piccolo cervello, che smosso nella maniera giusta ci può regalare molte cose. Il progresso umano è inversamente proporzionale alle infinite emozioni che possono scaturire da un deserto o dal minimalismo di una cosa semplice. I Live Footage sono qui per farci provare autentiche vertigini, come un giro in elicottero sul deserto.

TRACKLIST
01. Deep Night
02.Moods Of The Desert
03. Post Rain , Wet Field
04. View From a Desert Helicopter

LIVE FOOTAGE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.