iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Lilith Velkor – Lone

Incredibile lavoro per questo giovane trio di Brooklyn che fonde grunge, noise e tanta rabbia.

Lilith Velkor – Lone

Incredibile lavoro per questo giovane trio di Brooklyn che fonde grunge, noise e tanta rabbia.

I ragazzi vengono da Brooklyn e prendono i lmeglio dal grunge quello più cattivo e lo fondono con il noise punk degli Unwound, degli Unsane e degli Helmet, essendo comunque sempre di New York.
I Lilith Velkor hanno una grande forza ed una grande urgenza nel suonare e nel dire le cose, facendole arrivare dritte al cuore e alla faccia dell’ascoltatore. Chi ha qualche anno oltre i trenta ed apprezzava il grunge non può che stuprisi di fornte a questo suono, che è davvero molto forte e potente e che soprattutto rimanda ad un suono che si credeva superato.
Ma questa non è affatto una mera operazione di nostalgia, ma una forma estremamente attuale di suonare e di dire le cose.
In tutto il disco gira una specie di rabbia mista a malinconia, mixata a grande tenacia che davvero non ti lascia.
Lone è un disco che non può lasciare indifferenti e si inserisce tra i dischi più belli di quest’anno. Anche se fosse uscito negli anni novanta questo sarebbe stato un gran disco.
Dentro vi è quel gusto rumoristico che si può definire l’hardcore del noise, dove le distorsioni ci sono ma non così preponderanti e dove la rabbia è sopra a tutto.
Un esordio decisamente positivo e prepotente.

Tracklist:
1. Blue Mourning
2. Scratch and Bite
3. Summerland
4. I Don’t Care
5. Ground Me
6. Foiled
7. Ink
8. Denied
9. The Waiting
10. More Than This
11. Aggroculture
12. Sore Soaring

Line-up:
Mando – Chitarra, Voce
Veep Reekins – Batteria
Paul – Basso

LILITH VELKOR – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
3 Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.