iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Last Winter I Died – Erensyrah

Con Last Winter I Died, Mist dimostra la sua versatilità decidendo di esplorare i territori della musica ambient, per senza perdere di vista le proprie radici che affondano nel metal più oscuro ed evocativo.

Last Winter I Died – Erensyrah

Dopo le ottime uscite risalenti al 2012 con il monicker Dead Summer Society, Mist (Emiliano Santoro) ci presenta questo suo nuovo progetto denominato Last Winter I Died.

A differenza di quanto proposto nei recenti “Visions From A Thousand Lives” e “My Days Through Silence”, con Erensyrah il musicista molisano decide di esplorare i territori della musica ambient, per senza perdere di vista le proprie radici che affondano nel metal più oscuro ed evocativo.
Radici che, ovviamente, non si esplicitano certo attraverso il ricorso a riff pesanti o sfuriate in blast beat, ma che si manifestano a livello di attitudine: se, quando si parla di musica ambient il pensiero corre istintivamente al quel genio indiscusso chiamato Brian Eno, è evidente che Mist preferisce avviare la propria esplorazione della materia partendo da un’angolazione molto più vicina ai lavori strumentali di Burzum e, soprattutto, del primo Mortiis; di quest’ultimo, infatti, è possibile rintracciare un utilizzo solenne delle tastiere e la ricerca di sonorità più “aperte” e meno misantropiche.
Vanno sottolineati anche i frequenti e inevitabili richiami ai fasti della musica elettronica tedesca, non solo degli anni ’70 (Tangerine Dream), ma anche di epoche relativamente più recenti (The Artifact non avrebbe sfigurato all’interno di quel misconosciuto capolavoro che fu “Babel” di Schulze e Grosser).
Erensyrah si rivela tutt’altro che una stucchevole esibizione di loop e note dall’esito pressoché inascoltabile, cosa che spesso accade in questo genere di uscite: i delicati arpeggi Strange Twilight sono emblematici di un lavoro che, pur perseguendo il fine di veicolare sonorità eteree, non perde mai di vista l’aspetto melodico ed emozionale che finisce per costituire l’autentico trait d’union con i dischi dei Dead Summer Society.
Last Winter I Died è il riuscito esperimento da parte di un musicista versatile e che, soprattutto, non si propone in maniera pretenziosa; rispetto a chi utilizza sonorità ambient solo per allungare la durata degli album e, probabilmente, per mascherare le proprie carenze creative, Emiliano/Mist andrebbe apprezzato soltanto per la scelta di presentare un intero disco fatto di sonorità che, per forza di cose, difficilmente potranno fare breccia nei confronti di una vasta audience.

Tracklist :
1. The Quest
2. The Elusive Cliffs Of Erensyrah
3. A View Of The Ancient City
4. Below The Horizons
5. The Artifact
6. Unquiet Sea Of Dreams
7. Sirenade
8. Summer Reveries
9. A Call, A Death
10. Recolective (A Ghost)
11. Strange Twilight
12. How Things Turn
13. Weeping Stars

Line-up :
Mist All Instruments

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico