Jumpin’ Quails – Gogol Mogol

Jumpin’ Quails – Gogol Mogol

Un lavoro da godersi con calma, pezzo per pezzo

I Jumpin’ Quails, band torinese con quasi dieci anni di esperienza alle spalle, dopo aver girato mezza Europa (suonando prevalentemente garage rock) e aver stampato un primo album (“Atomic Rendez-vous”, 2013), sterzano con decisione e ritornano con Gogol Mogol. Il nuovo lavoro, suddiviso in nove tracce e caratterizzato da sonorità new wave/pop/psych, necessita di più ascolti per essere compreso nella sua interezza, ma alla fine si dimostra piuttosto interessante.

L’incrociarsi e intrecciarsi di chitarre di See You Down There (In A While), supportato da regolari trame ritmiche, cede spazio al gustoso strutturarsi, sempre guidato dalle sei corde, di Chloè e al cadenzato proseguire, fra ritornelli lievemente sbilenchi, di Chance Dice.
Il basso di Eberswalder Strasse, centrale per tutta la durata del pezzo (insieme agli inserti di synth), scandisce il tempo fino alle note della tedesca Blitzfrieden, mentre lo spagnolo alle spalle di Rainbow Flesh, lasciando che su di essa fiorisca musica lineare e determinata, apre al corposo animo disorientante di Candies.
Breakin’ The Glass, infine, nervosa e spigliata, corre via, lasciando che a chiudere sia il soffice galleggiare della francese e raffinata Le Grand V.

Con questo secondo lavoro i Jumpin’ Quails cambiano rotta, ma non riducono il livello qualitativo della loro proposta. I nove brani proposti, anche se non particolarmente immediati (servono un paio di ascolti per poter essere metabolizzati e compresi nella loro interezza), entusiasmano per le loro gustose strutture (sempre corpose, piene e ben concepite). Un lavoro da godersi con calma, pezzo per pezzo.

TRACKLIST
01. See You Down There (In A While)
02. Chloè
03. Chance Dice
04. Eberswalder Strasse
05. Blitzfrieden
06. Rainbow Flesh
07. Candies
08. Breakin’ The Glass
09. Le Grand V

LINE-UP
Matteo Givone
Diego Lacaille
Salvatore Marano
Riccardo Salvini
Jacopo Trivero

JUMOIN’ QUALIS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.