Hüsker Dü Zen Arcade

Hüsker Dü - Zen Arcade

Hüsker Dü Zen Arcade

Le autodemolizioni sono come gli ospedali: luoghi in cui si abbandona qualcosa o qualcuno – in fondo che si tratti di automezzi o di uomini poco cambia – luoghi che non si vuole vedere né frequentare, per i quali proviamo fastidio. Ed è proprio fra cataste di macchine abbandonate che si aggirano i tre ragazzi di Minneapolis nella copertina di questo album, una fra le copertine più belle ed iconiche che mente umana ricordi.

Zen Arcade è un disco lungo, ed è pure pensato come concept, due caratteristiche assai strane per un disco di hardcore punk. Ma gli Huskers potevano concedersi tutto e tutto quello che toccavano si trasformava in oro, o in delirio, o più semplicemente in caos e creatività; in fondo facce diverse di un’unica medaglia.

La scaletta di questo vero e proprio monolite contiene alcune fra le canzoni più belle che abbia mai ascoltato come Broken Home Broken Heart, Beyond The Threshold, Standing By The Sea, Pink Turns To Blue; vere e proprie schegge di vetro che si infilano sotto pelle, che feriscono provocando un dolore intenso, che fanno piangere ma che sanno anche dare forza, perché dicono quello che sta dentro di noi, quello che vorremo esprimere senza averne il coraggio o più semplicemente la capacità.

Ma non solo di furia elettrica è composto questo capolavoro; al suo interno c’è infatti Never Talking To You Again uno dei pezzi acustici più splendidi mai composti ed anche il finale rumoristico Reoccurring Dreams – che in altri casi mi sarebbe sembrato ostico o peggio indifferente – incontra il mio incondizionato favore.

Per anni sul dorso del mio chiodo è stata vergata la copertina di questo disco e, in tempi pre social, per questo venivo riconosciuto (e comprensibilmente evitato) ai concerti in giro per il nord Italia.

Per Zen Arcade sono superflue le parole, va ascoltato, assimilato, vissuto.

Zen Arcade è uno fra i album più belli ed importanti della storia della nostra musica, senza se e senza ma.

Hüsker Dü Zen Arcade

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.