iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Human Collapse – Darkness To Fall

Darkness To Fall è l’ennesimo buon disco proveniente dalle lande sovietiche e, proprio per questo, non può più costituire una sorpresa.

Human Collapse – Darkness To Fall

Nell’approcciare l’ennesima band russa dedita al death-doom non si può fare a meno di notare che, per una volta, alle spalle non c’è la longa manus della Solitude …

Infatti gli Human Collapse si autoproducono il disco d’esordio ma, indubbiamente, la qualità della proposta pare non risentire affatto di questo particolare, visto che un’ottima registrazione ed un songwriting di sicuro spessore fanno di Darkness To Fall un lavoro degno della massima attenzione.
Un altro piccolo elemento di discontinuità è costituito dal fatto che la proposta non proviene dalla scena moscovita bensì da San Pietroburgo, anche se i due musicisti russi coinvolti (Igor Maslov ed Egor Lappo) si fanno aiutare alla voce dall’ucraino Andrey Tkachenko, del quale abbiamo già avuto modo di apprezzare le doti in occasione del disco dei Vin De Mia Trix.
Malinconico il giusto e contraddistinto da un pregevole lavoro chitarristico da parte di Maslov, Darkness To Fall si colloca ben al di sopra della sufficienza in virtù di brani azzeccati quali le malinconiche Ellipsis e Novembersmile e la più varia e a tratti evocativa title-track posta in chiusura.
Nei tre quarti d’ora a loro disposizione gli Human Collapse dimostrano delle ottime potenzialità e anche il resto del lotto possiede il grande pregio di risultare piuttosto fruibile, grazie ad intuizioni melodiche brillanti; va rimarcato, inoltre, il ricorso a diversi passaggi pianistici, peraltro molto ben eseguiti da parte dello stesso Igor Maslov, che si pongono con successo in alternativa alle partiture tastieristiche di stampo atmosferico.
Pur restando nell’ambito delle consuete coordinate stilistiche, che prendono le mosse dagli onnipresenti Swallow The Sun, il death-doom melodico degli Human Collapse si inserisce alla perfezione nel contesto di una scena, come quella russo-ucraina, che ha ormai assunto dimensioni tali da poter essere considerata a buon diritto una scuola a sé stante; Darkness To Fall è, infatti, l’ennesimo buon disco proveniente da quelle lande e, proprio per questo, non può più costituire una sorpresa.

Tracklist:
1. Ellipsis
2. Nowhere
3. Sunlight
4. Novembersmile
5. Deep
6. Human Collapse

Line-up:
Egor Lappo – Bass
Andrey Tkachenko – Vocals
Igor Maslov – Guitars, Keyboards, Programming

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.