Heroinne – Interstellar Grade Octainne

Heroinne – Interstellar Grade Octainne

La loro autodefinizione di Arctic Desert Rock mi sembra calzi a pennello.

Dalla provincia norvegese, aka Trondheim, arriva questo gran bel disco di stoner: il suono degli Heroinne è molto classico ma allo stesso tempo potente ed incarna vari elementi tra i quali un po’ di psichedelia.

Nonostante sia un debutto e questi norvegesi hanno le idee chiare e la loro autodefinizione di “Arctic Desert Rock” mi sembra calzi a pennello.
In mezzo all’oceano di band stoner questi ragazzi hanno quel qualcosa in più che li porta a spiccare nella massa.
Le loro composizioni sono in linea con la tradizione desert stoner ma, anche grazie a un’ottima produzione, riescono a mettersi in evidenza.
Il disco viene pubblicato dalla Ozium Records, etichetta che è una bottega artigianale che produce ottima musica: questo conferma che avere le idee chiare, passione e qualche soldo può portare a fare ottime cose, anche in un momento di crisi non solo economica, ma anche di interesse nei confronti della musica e non solo.
La risposta sono dischi come Interstellar Grade Octanine, ottimo prodotto fatto di passione e bravura.
Il disco è stato in parte finanziato dalla città di Trondheim, poiché in Norvegia si possono avere finanziamenti per incidere un disco, se si soddisfano taluni requisiti. Un po’ come in Italia …

Tracklist:
1. Sludgehammer
2. Clear Sight, Fogged Mind
3. Ultimate. Fuzz. Octane
4. Yawning Sun
5. Event Horizon
6. Wendigo
7. Brained Dead
8. Rogue Planets Galore
9. Pulsar

Line-up:
Espen Kalstad
Petter Grøtan
Amund Hagerup Johnsrud
Fredrik Lian

HEROINNE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.